ADEMPIMENTI FISCALI: LE DATE DI SETTEMBRE

ADEMPIMENTI FISCALI: LE DATE DI SETTEMBRE

ADEMPIMENTI FISCALI: LE DATE DI SETTEMBRE

In arrivo diversi appuntamenti fiscali, molti dei quali riguardano versamenti di imposte a vario titolo sospese o rimandate per l’emergenza da Covid.

Di seguito proviamo a riportare una sorta di calendario delle principali scadenze del mese di settembre.

1. IMPOSTE DIRETTE, IVA e IRAP PER I SOGGETTI ISA

La scadenza più importante riguarda i contribuenti che applicano gli ISA e soggetti equiparati.

Più precisamente, si tratta dei soggetti che:

  • esercitano attività economiche per le quali sono stati approvati gli ISA e che dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun indice, attualmente pari a 5.164.569 euro a prescindere che applichino o meno gli ISA;
  • partecipano a società, associazioni e imprese in regime di trasparenza fiscale, aventi i requisiti per beneficiare della proroga;
  • applicano il regime forfetario e/o il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità;
  • determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfetari.

I soggetti appena elencati, sono chiamati ai versamenti risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, da quelle in materia di imposta regionale sulle attività produttive e da quelle dell’imposta sul valore aggiunta che scadono dal 30 giugno al 31 agosto 2021.

Come precisato con la risoluzione n. 53/E del 2021, è possibile scegliere tra le seguenti opzioni:

  • versamento dell’intero importo entro il 15 settembre;
  • versamento, dell’intero importo, in rate mensili, di cui la prima, senza interessi, da versare entro il 15 settembre, e le successive con interesse annuo del 4% (anche in questo caso con rateizzazione da completare entro novembre);
  • versamento, fino al 15 settembre, di un importo a libera scelta e versamento della differenza, in unica soluzione entro il 15 settembre oppure rateizzazione (da terminare a novembre) con l’applicazione dell’interesse annuo nella misura del 4%.

Quindi, per chi sceglie la rateazione, i versamenti di settembre sono i seguenti:

per i soggetti titolari di partita IVA:

  • entro il 15 settembre 2021 la prima rata, senza interessi;
  • entro il 16 settembre 2021 la seconda rata, con interessi dello 0,01%;

per i soggetti non titolari di partita IVA che partecipano a società, associazioni e imprese ai sensi degli articoli 5, 115 e 116 del D.P.R. n. 917/1986:

  • entro il 15 settembre 2021, la prima rata, senza interessi;
  • entro il 30 settembre 2021, la seconda rata, con interessi dello 0,17%.

Resta possibile il versamento rispettando i piani di rateizzazione originari (a partire dal 30 giugno o dal 30 luglio con maggiorazione dello 0,4%); in questo caso, però, per le rate fino al 15 settembre non sono dovuti interessi, per cui quelli eventualmente già versati vanno scomputati dalle rate successive al 15 settembre e, inoltre, è necessario dare evidenza, nel modello F24, del numero di rata versata.

Entro lo stesso termine del 15 settembre vanno versati i contributi previdenziali calcolati in dichiarazione.

2. PRESENTAZIONE LIPE SECONDO TRIMESTRE 2021

Il 16 settembre è il termine ultimo per l’invio della comunicazione delle liquidazioni IVA relativa al periodo 1° aprile-30 giugno 2021.
Ricordiamo le principali regole da seguire:

  • occorre utilizzare il modello “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA” composto da un frontespizio, contenente anche l’informativa relativa al trattamento dei dati personali e il quadro VP,
  • se, entro il termine di presentazione, sono presentate più Comunicazioni riferite al medesimo periodo, l’ultima sostituisce le precedenti.

3.  ULTERIORI ADEMPIMENTI

Non vanno sicuramente dimenticate le seguenti date:

  • il 2 settembre, come stabilito con il provvedimento 2 luglio 2021, scade il termine di presentazione dell’istanza di riconoscimento del contributo a fondo perduto alternativo per le attività stagionali;
  • il 6 settembre scade il termine per la presentazione dell’istanza di riconoscimento del contributo a fondo perduto per la riduzione del canone locazione immobili abitativi e termina il periodo di sospensione feriale per gli atti dell’Agenzia delle Entrate;
  • il 10 settembre, salvo sorprese dell’ultima ora, è il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione dei redditi per chi vuole richiedere il contributo a fondo perduto per il calo della redditività di cui al decreto Sostegni bis.

Il 30 settembre è un’altra importante data da ricordare perché:

  • scade il termine per la presentazione del modello 730, sia relativamente ai modelli presentati ai CAF/professionisti dal 1° al 30 settembre che a quelli trasmessi direttamente dai contribuenti;
  • salvo ulteriori e probabili proroghe, occorre aderire al servizio di conservazione delle fatture elettroniche dell’Agenzia delle Entrate;
  • vanno trasmessi i dati al Sistema tessera sanitaria relativi al primo semestre 2021;
  • occorre versare, salvo che non intervengano altre proroghe, gli importi, scadenti nel periodo dall’8 marzo al 31 agosto 2021, derivanti da cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione, nonché dagli avvisi di accertamento sospesi per Covid-19;
  • occorre effettuare il versamento dell’imposta di bollo per le fatture elettroniche relative al secondo trimestre 2021.