Agricoltura Biologica: Il nuovo bando della Regione Lazio

Stanziati nuovi finanziamenti per ogni ettaro di terra convertito a biologico nella Regione Lazio.

agricoltura biologica bando lazio

Agricoltura Biologica: Il nuovo bando della Regione Lazio

Stanziati nuovi finanziamenti per ogni ettaro di terra convertito a biologico nella Regione Lazio.

Il nuovo bando della Regione Lazio serve a richiedere i contributi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale per l’agricoltura biologica. Il bando prevede due misure con diverse tipologie di aiuti. La prima riguarda la conversione da agricoltura classica a biologica. La seconda, invece, è per il chi già attua metodi biologici e ha intenzione di mantenerli.

ASCOLTA IL PODCAST!

I principali beneficiari sono gli agricoltori singoli e associati che hanno almeno un ettaro di terreno e che vogliono iniziare ad utilizzare metodi biologici nella loro azienda. Lo scopo, infatti, è proprio quello di incoraggiare e supportare questa nuova tipologia di agricoltura.

Bando Lazio agricoltura biologica: Quali contributi spettano?

Per quanto riguarda il finanziamento, ci sono dei contributi specifici per ogni ettaro di terra che variano dal tipo di coltivazione e dalla misura che si sceglie. Nello specifico, per chi sceglie di iniziare ad usare l’agricoltura biologica, i contributi sono di: 180 euro per i cereali (escluso il mais, perché per questa coltura sono previsti 330 euro), 150 euro per le foraggiere, 330 euro per kiwi, olivo, albicocchi e ciliegi, 800 euro per viti, noccioli, peschi, susini, meli e peri, 320 euro per i castagni da frutto.

Mentre, per chi già pratica l’agricoltura biologica e vuole mantenerla, i contributi sono di: 160 euro per i cereali (solo per il mais 270 euro), 140 per le foraggiere, 330 euro per kiwi, olivo, albicocchi e ciliegi, 670 euro per viti, noccioli, peschi, susini, meli e peri, 270 euro per i castagni da frutto.

Le domande dovranno essere presentate ad Agea, attraverso il portale Sian, entro il 15 maggio 2023. Invece, per la lettura del bando basterà visitare il sito ufficiale della Regione Lazio.

GUARDA IL VIDEO!