AMMORTIZZATORI SOCIALI: ECCO COME CAMBIANO GLI IMPORTI

AMMORTIZZATORI SOCIALI: ECCO COME CAMBIANO GLI IMPORTI

AMMORTIZZATORI SOCIALI: ECCO COME CAMBIANO GLI IMPORTI

L’articolo 3, comma 6, del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148, prevede che, dal 1° gennaio di ciascun anno, vengano aumentati gli importi nella misura del 100% dell’aumento derivante dalla variazione annuale dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Con la circolare INPS n° 26 del 16 febbraio 2022 viene indicata la misura, in vigore dal 1° gennaio 2022, dell’importo massimo del trattamento di cassa integrazione guadagni ordinaria e straordinaria, dell’assegno di integrazione salariale del Fondo di integrazione salariale (FIS) e del Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito, dell’assegno emergenziale per il Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo, dell’indennità di disoccupazione NASpI, dell’indennità di disoccupazione DIS-COLL, dell’indennità di disoccupazione agricola, dell’indennità di disoccupazione a favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS), nonché la misura dell’importo mensile dell’assegno per le attività socialmente utili.

ASCOLTA IL PODCAST!

L’importo massimo mensile dei trattamenti di integrazione salariale prescinde dall’importo della retribuzione mensile di riferimento e corrisponde a 1.222,51 euro lordi e 1.151,12 euro netti. Tale importo deve essere incrementato del 20% a favore delle imprese del settore edile e lapideo per intemperie stagionali. L’importo massimo, però, non si applica ai trattamenti concessi per le intemperie stagionali nel settore agricolo.

Per quanto riguarda l’assegno emergenziale, l’importo va calcolato sull’80% della retribuzione lorda mensile e viene indicato al lordo e al netto della riduzione, che attualmente è pari al 5,84%. Tale riduzione è applicabile solo se la prestazione risulti pari o superiore all’80% della retribuzione teorica indicata dall’azienda nel flusso Uniemens.

Per l’indennità di disoccupazione NASpI, l’indennità di disoccupazione DIS-COLL e l’indennità di disoccupazione a favore dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS), la retribuzione da prendere in considerazione per il calcolo è pari a 1.250,87 euro per il 2022. A tale importo non verrà applicata la riduzione e, in ogni caso, non può superare i 1.360,77 euro per il 2022.

In merito all’indennità di disoccupazione ordinaria agricola con riferimento all’attività svolta nel 2021, verranno applicati gli importi massimi stabiliti per tale anno. Quindi, l’importo sarà di 1.199,72 euro per il massimale più alto, e di 998,18 euro per il massimale più basso.

Per il riconoscimento della prestazione Indennità Straordinaria di continuità reddituale e operativa (ISCRO) nell’anno 2022, il reddito è pari a 8.299,76 euro. Inoltre, l’importo mensile dell’ISCRO per l’anno 2022 non può essere inferiore a 254,75 euro e non può superare l’importo di 815,20 euro. Infine, l’importo mensile dell’assegno spettante ai lavoratori che svolgono attività socialmente utili, a carico del Fondo sociale occupazione e formazione, è pari a 607,25 euro. 

GUARDA IL VIDEO!