assegni familiari 2023

Assegni familiari 2023: Cambiano i requisiti e aumentano gli importi

Con la circolare n. 28, INPS fa sapere che ha aggiornato i limiti di reddito fissati per gli assegni familiari 2023.

Gli assegni familiari sono una forma di sostegno economico per quelle famiglie che hanno un reddito al di sotto dei limiti stabiliti annualmente dalla legge. Inoltre, non rientrano tra i beneficiari dell’assegno per il nucleo familiare. L’assegno è corrisposto direttamente da INPS e spetta per ogni familiare a carico. Nello specifico, possono fare domanda i coltivatori diretti, coloni, mezzadri e piccoli coltivatori diretti e i pensionati delle gestioni speciali per i lavoratori autonomi.

Le domande devono essere trasmesse esclusivamente online utilizzando i servizi dedicati sul sito dell’Istituto. In alternativa, è possibile chiamare il Contact Center oppure rivolgersi agli enti di patronato.

https://open.spotify.com/episode/2OWzPBjOfVeDbzhEM7mmzB?si=591e372df87944ca
ASCOLTA IL PODCAST!

La circolare INPS sugli assegni familiari 2023

L’Istituto ricorda che l’aggiornamento dei limiti reddituali è eseguito ogni anno considerando il tasso di inflazione programmato con arrotondamento ai centesimi in euro. Per il 2023, i limiti degli assegni familiari sono:

  • 793,93 euro per il coniuge, per un genitore, per fratelli, sorelle e nipoti;
  • 1.389,38 euro per due genitori ed equiparati.

Invece, per quanto riguarda gli importi, la stessa circolare INPS riporta che sono:

  • 8,18 euro al mese per i coltivatori diretti, coloni, mezzadri per fratelli, sorelle e nipoti;
  • 10,21 euro al mese per i pensionati delle gestioni speciali, i lavoratori autonomi e ai piccoli coltivatori diretti per coniuge e fratelli, sorelle e nipoti;
  • 1,21 euro al mese per i piccoli coltivatori diretti, per i genitori ed equiparati.
GUARDA IL VIDEO!