ASSISTENZA FISCALE: LE NUOVE INFORMAZIONI INPS

ASSISTENZA FISCALE: LE NUOVE INFORMAZIONI INPS

ASSISTENZA FISCALE: LE NUOVE INFORMAZIONI INPS

Nel recente messaggio n. 2499 del 21 giugno 2022, INPS ha fornito le nuove informazioni in merito all’assistenza fiscale offerta dall’istituto ai cittadini.  

L’Istituto può prestare assistenza fiscale, ma solo se nell’anno di presentazione del modello 730 sussiste un rapporto di sostituzione d’imposta con il dichiarante. L’INPS può, infatti, gestire le risultanze contabili del modello 730/4 se, nel corrente anno 2022, il dichiarante percepisce una prestazione imponibile IRPEF (ad esempio, pensione di vecchiaia, pensione di reversibilità, NASpI, ecc.). Tramite il messaggio n. 2499, l’istituto conferma che a partire dal 1° luglio 2022, diventeranno di sua competenza le funzioni previdenziali sostitutive dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO), attualmente gestite da INPGI. Da luglio, quindi, l’INPS potrà procedere alla liquidazione delle pensioni e dei trattamenti di disoccupazione e quelli di cassa integrazione guadagni. Il contribuente iscritto INPGI/1 (pensionato o beneficiario di prestazioni non pensionistiche) avrà come sostituto d’imposta l’INPS, anche se la dichiarazione viene trasmessa prima del 1° luglio 2022.

ASCOLTA IL PODCAST!

Nel caso in cui venga indicato l’INPGI come «sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio», la dichiarazione verrà respinta e il contribuente dovrà presentare una nuova dichiarazione inserendo l’INPS come nuovo sostituto d’imposta. Mentre per i contribuenti iscritti alla Gestione separata INPGI/2 non cambia nulla e potranno continuare ad indicare l’INPGI come «sostituto d’imposta. INPS ricorda poi che sul proprio sito internet è presente il servizio “Assistenza fiscale (730/4): servizi al cittadino”, che permette ai contribuenti in possesso di SPID, CIE, CNS di controllare le risultanze contabili della propria dichiarazione e i relativi esiti. Il servizio è anche accessibile dall’app “INPS mobile”.

Inoltre, a partire dal prossimo 15 luglio, è prevista anche una novità, ovvero il servizio consentirà ai contribuenti di trasmettere online la richiesta di annullamento e/o di variazione della seconda rata d’acconto IRPEF o cedolare secca, per il dichiarante e per il coniuge, in caso di dichiarazione congiunta, entro il 10 ottobre 2022. Il messaggio precisa anche che se successivamente all’avvio dell’assistenza fiscale,  l’istituto non riesce a completare i conguagli a debito del modello 730/4 (ad esempio, as eguito del decesso del dichiarante), sarà inviata un’apposita comunicazione all’interessato o agli eredi dello stesso, con l’invito a provvedere al versamento dei residui importi a debito, con le modalità previste dall’Agenzia delle Entrate.