BONUS 150/200 EURO, NUOVO MESSAGGIO INPS: DOTTORANDI, ASSEGNISTI E CO.CO.CO.

BONUS 150/200 EURO, NUOVO MESSAGGIO INPS: DOTTORANDI, ASSEGNISTI E CO.CO.CO.

BONUS 150/200 EURO, NUOVO MESSAGGIO INPS: DOTTORANDI, ASSEGNISTI E CO.CO.CO.

BONUS 150/200 EURO, NUOVO MESSAGGIO INPS: DOTTORANDI, ASSEGNISTI E CO.CO.CO.

Bonus 200/150 euro per i collaboratori coordinati e continuativi, assegnisti e dottorandi di ricerca. Arriva il messaggio INPS che chiarisce tutta la questione sul requisito dell’iscrizione alla gestione separata per questi lavoratori.

Nei mesi scorsi, a seguito dei controlli per la verifica dei requisiti, INPS ha scoperto che un gran numero di collaboratori, assegnisti e dottorandi, che avevano presentato la domanda per il bonus 200 euro, non avevano formalizzato l’iscrizione alla gestione separata, anche se negli archivi della gestione risultavano i dati forniti dai committenti relativi al periodo di attività svolta da questi lavoratori. Di conseguenza, le domande sono state respinte.

ASCOLTA IL PODCAST!

Data la situazione, però, INPS ha richiesto il parere del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e ora, con il messaggio n. 635, chiarisce che, considerando i diversi fattori, cioè la finalità dell’indennità una tantum, la contemporanea sussistenza di tutti gli altri requisiti e l’invio delle denunce Uniemens del committente, l’Istituto procederà comunque al pagamento del bonus 200/150 euro anche in assenza della formale iscrizione alla Gestione separata.

In questi giorni, quindi, l’INPS procederà al riesame d’ufficio di tutte quelle domande che risultavano respinte con la sola motivazione dell’assenza del requisito di iscrizione alla Gestione separata.

GUARDA IL VIDEO!