BONUS ATTIVITÀ FISICA ADATTATA: COS’È E CHI PUÒ USUFRUIRNE

BONUS ATTIVITÀ FISICA ADATTATA: COS’È E CHI PUÒ USUFRUIRNE

BONUS ATTIVITÀ FISICA ADATTATA: COS’È E CHI PUÒ USUFRUIRNE

Il bonus attività fisica adattata è una nuova agevolazione introdotta dalla legge di bilancio 2022 e disciplinata dal decreto ministero dell’economia e delle finanze, pubblicato in gazzetta ufficiale il 16 giugno.

Il bonus, che si regge su un finanziamento di 1,5 milioni di euro per il 2022, è destinato a coloro che soffrono di patologie croniche clinicamente controllate o disabilità fisiche e che praticano, appunto, la cosiddetta attività fisica adattata, ovvero programmi di esercizio fisico, non sanitari, per il miglioramento del benessere fisico, della qualità della vita e della socializzazione. Questi programmi devono essere eseguiti sotto la supervisione di un professionista dotato di specifiche competenze, anche in luoghi e in strutture di natura non sanitaria, come palestre o piscine.

ASCOLTA IL PODCAST!

Nello specifico, il decreto del MEF riconosce un credito di imposta, utilizzabile nella dichiarazione dei redditi, alle persone fisiche che, dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022, sostengono spese documentate per lo svolgimento di attività fisica adattata. L’eventuale credito d’imposta non utilizzato potrà essere fruito nei periodi di imposta successivi, ma non è cumulabile con altre agevolazioni di natura fiscale riguardanti le stesse spese. La percentuale del credito sarà definita dall’Agenzia delle Entrate, sulla base del rapporto tra l’ammontare delle risorse stanziate e l’ammontare complessivo delle spese agevolabili indicate nelle domande. Entro 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, quindi entro il 15 settembre 2022, l’Agenzia, tramite provvedimento, stabilirà le modalità e i termini di presentazione delle domande.