BONUS PRIMA CASA E SEPARAZIONE

BONUS PRIMA CASA E SEPARAZIONE

Con la risoluzione n.80/E dello scorso 9 settembre 2019, l’Agenzia delle Entrate ha stabilito che un immobile acquistato con le agevolazioni “Prima Casa”, se venduto a seguito di un accordo di separazione, non perde il beneficio.

È la risposta dell’Agenzia delle Entrate nei confronti di un contribuente che ha acquistato, insieme al coniuge, un immobile con le agevolazioni “Prima Casa”. Dopo circa 3 anni (quindi due anni prima della scadenza naturale del Beneficio), i coniugi si sono separati in maniera consensuale. Tra le clausole dell’accordo di separazione c’era anche la vendita dell’abitazione familiare, con la ripartizione del ricavato tra i coniugi.

Quindi, la casa è stata venduta a terzi, prima del termine di cinque anni. Visto che gli ex coniugi non hanno acquistato una nuova abitazione entro l’anno della separazione, l’ex-coniuge ha chiesto all’Agenzia se la cessione dell’immobile comportasse la decadenza dalle agevolazioni “Prima Casa”.

Dopo aver esaminato i dati del caso, l’Agenzia dell’Entrate ha ritenuto che la cessione a terzi di un immobile acquistato con l’agevolazione “Prima Casa”, considerate le clausole contenute in un accordo di separazione con finalità di risoluzione di crisi coniugale, non comporta la decadenza dal relativo beneficio.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

×