Calendario dei pagamenti INPS di agosto: NASpI, Assegno Unico, RdC

Il mese di agosto è iniziato da qualche giorno, ma dal mondo INPS arrivano già le prime date di pagamento, dalla NASpI a RdC. Ma ci sono anche alcune novità.

Calendario pagamenti INPS agosto

Calendario pagamenti INPS agosto

Calendario pagamenti e novità per il mese di agosto 2023 dal mondo INPS.

Il mese di agosto è iniziato da qualche giorno, ma dal mondo INPS arrivano già le prime date di pagamento, dalla NASpI a RdC. Ma ci sono anche alcune novità.

ASCOLTA IL PODCAST!

Calendario pagamenti INPS: NASpI di agosto e 730/2023

Le prime disposizioni di pagamento pubblicate finora della disoccupazione NASPI di agosto, quindi riferita al mese di luglio, riportano le date del 7, 8 e 9 agosto. Ma, come sempre, i pagamenti potrebbero proseguire anche più in avanti.

Lo stesso discorso vale per i rimborsi del 730/2023 che riguardano chi ha INPS come sostituto d’imposta. Ad esempio, proprio chi è in NASpI. Anche qui, i pagamenti sono forniti in ordine sparso e continueranno anche nei prossimi mesi. Sempre in base a quando si è presentata la dichiarazione dei redditi.

Il discorso è leggermente diverso per i pensionati che, invece, ricevono il conguaglio del 730 insieme alla rata della pensione. Quindi primo di agosto, o primo di settembre e così via. Naturalmente, è sempre possibile controllare lo stato dei rimborsi del 730 da INPS tramite il servizio “Assistenza fiscale (730/4): Servizi al Cittadino“.

Assegno Unico e Universale a domanda

Seguendo il calendario INPS di riferimento, i pagamenti ordinari sono previsti a partire dal 18, 21 e 22 agosto. A seguire, ci saranno anche i pagamenti per le nuove domande oppure per quelle domande di Assegno Unico già in corso, ma con variazioni.

E sempre in tema Assegno Unico, c’è una novità che partirà da settembre, ma che riguarderà solo le famiglie che hanno un ISEE non proprio in regola. Infatti, con il messaggio n. 2856, INPS fa sapere che dalla rata di settembre quelle famiglie che hanno un ISEE con omissioni o difformità riceveranno l’importo minimo. INPS sottolinea anche che i pagamenti continueranno nella forma minima fino a quando l’ISEE non sarà regolarizzato. Non solo, dopo la correzione dell’ISEE saranno pagati anche i conguagli rispetto alle rate al “minimo”.

Reddito e Pensione di Cittadinanza

C’è grande preoccupazione per la ricarica di fine agosto che, per ragioni di calendario, dovrebbe essere anticipata di qualche giorno, indicativamente verso il 25. Si tratta del pagamento che porterà circa 80 mila altri nuclei familiari cosiddetti “occupabili” a raggiungere il limite delle sette mensilità nel 2023. Quindi, si troveranno a ricevere il celebre SMS di sospensione da parte di INPS.

Non è ancora chiaro, invece, se potranno vedersi riattivata la domanda di RdC i circa 88 mila nuclei familiari, in condizione di fragilità, presi in carico dai servizi sociali negli ultimi mesi. Ovviamente, quando il processo sarà completato, anche per loro RdC potrà continuare fino a dicembre 2023. La questione da chiarire, però, resta sempre l’effettiva tempistica di riattivazione.

Discorso completamente diverso, però, per tutti gli altri percettori RdC occupabili. Si ripete a gran forza, infatti, che il loro futuro sta nella loro attivazione rispetto al Supporto per la Formazione e il Lavoro. Presso cui potranno continuare anche le politiche attive iniziate prima, ad esempio nel Programma GOL.

Tuttavia, anche in questo caso c’è un ostacolo, come evidenziato dall’ufficio parlamentare di bilancio e dalla relazione tecnica sul Decreto lavoro. Non è detto che tutti gli ex percettori RdC potranno entrare nel Supporto, per via dei requisiti più stringenti per la misura. La stessa cosa l’ha ribadita più volte la Ministra del Lavoro Calderone nella sua intervista al Corriere della Sera. Aggiunge nuovamente, e con fermezza, che la piattaforma SIISL sarà sicuramente attiva dal 1° settembre.

GUARDA IL VIDEO!