CANONE RAI: ADDIO IN BOLLETTA?

CANONE RAI: ADDIO IN BOLLETTA?

CANONE RAI: ADDIO IN BOLLETTA?

Il Canone Rai è un onere improprio, e di conseguenza potrebbe essere tagliato fuori a breve.

L’intenzione dell’esecutivo è quella di rispettare gli accordi presi con Bruxelles tramite il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). 

Nello specifico, con il contratto inviato all’Unione europea, l’Italia si impegna a cancellare l’obbligo per le compagnie che vendono elettricità di “raccogliere tramite le bollette somme che non sono direttamente correlate con l’energia”; fra queste anche il canone della Rai.

Ricordiamo che fu Renzi, varando la legge di Stabilità (2015), ad inserire il pagamento del canone nella bolletta elettrica, così da arrestare l’evasione della tassa sulla televisione pubblica; tale decisione ha comportato un incremento dei costi della fattura sull’energia, di 9 euro al mese per 10 mesi.

All’interno della bolletta sull’energia elettrica, inoltre, sono presenti anche altri oneri impropri, come ad esempio il sostegno alla ricerca di sistema oppure le agevolazioni tariffarie riconosciute per il settore ferroviario.

Il disegno di legge, stando agli impegni presi con Bruxelles, deve essere approvato entro questo mese, con adozione definitiva a partire dalla fine del prossimo anno.

Lascia un commento