CASHBACK: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA UFFICIALE

CASHBACK: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA UFFICIALE

CASHBACK: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA UFFICIALE

Nella Gazzetta Ufficiale n. 296 del 28 novembre 2020 è stato pubblicato il D.M. 24 novembre 2020, n. 156 del Ministero dell’Economia e delle finanze, che detta le disposizioni di attuazione del programma cashback, in applicazione della legge di Bilancio 2020.

COS’È?

Si tratta di un programma infrannuale di rimborso in denaro, a favore di chi aderisce ed effettua acquisti fuori dall’esercizio dell’attività di impresa, arte o professione, con strumenti di pagamento elettronici.

COME ADERIRE

L’adesione al Programma è esclusivamente su base volontaria, mediante la registrazione da parte del contribuente nell’APP IO o nei sistemi messi a disposizione da un Issuer Convenzionato, del proprio codice fiscale e degli estremi identificativi di uno o più strumenti di pagamento elettronici dei quali intende avvalersi per effettuare gli acquisti.

Al momento della registrazione il contribuente dichiara di essere maggiorenne e residente in Italia, di utilizzare gli strumenti di pagamento registrati solo per acquisiti effettuati fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione; la partecipazione al Programma ha inizio al momento dell’effettuazione della prima transazione tramite lo strumento di pagamento registrato.

In ogni caso, è possibile in qualsiasi momento effettuare la cancellazione dal Programma nell’APP IO, la quale comporta la perdita dal diritto a concorrere all’assegnazione del rimborso per il periodo di riferimento e la cancellazione dei dati personali inerenti al Programma, salvo che ci siano altre basi giuridiche al trattamento, come far fronte a eventuali contestazioni o contenziosi.

RIMBORSO CASHBACK

Agli aderenti al programma è attribuito un rimborso in misura percentuale per ogni transazione regolata con strumenti di pagamento elettronici ed è determinata per i periodi:

  • 1° gennaio-30 giugno 2021;
  • 1° luglio-31 dicembre 2021;
  • 1° gennaio 2022-30 giugno 2022.

Accedono al rimborso solo gli aderenti che abbiano fatto un minimo di 50 transazioni regolate con strumenti di pagamento elettronici.

Il rimborso è pari al 10% dell’importo di ogni transazione e si tiene conto delle transazioni fino a un valore massimo di 150 euro per singola transazione. Le transazioni superiori a 150 euro concorrono fino all’importo di 150 euro. La quantificazione del rimborso è determinata sul valore complessivo delle transazioni effettuate, in ogni caso non superiore a 1.500 euro per ciascun periodo; i rimborsi saranno erogati per ciascun periodo rispettivamente nei mesi di luglio 2021gennaio 2022 e luglio 2022 e avvengono sul codice IBAN indicato dall’Aderente.

FASE SPERIMENTALE

Sarà avviata dai primi giorni di dicembre fino al 31 dicembre 2020. Anche in questo periodo il rimborso è pari al 10% dell’importo di ogni transazione e si tiene conto delle transazioni fino a un valore massimo di 150 euro per singola transazione, ma accedono al rimborso gli aderenti che abbiano fatto un minimo di 10 transazioni.

Il rimborso sarà erogato nel mese di febbraio 2021.

Ai primi 100.000 aderenti che in ciascun periodo abbiano totalizzato il maggior numero di transazioni regolate con strumenti di pagamento elettronici è attribuito un rimborso speciale pari a 1.500 euro, erogati per ciascun periodo rispettivamente nei mesi di luglio 2021, gennaio 2022 e luglio 2022.

×