Dati INPS sul precariato maggio 2023: Diminuiscono le cessazioni

INPS ha pubblicato il nuovo osservatorio sul precariato con i dati aggiornati di maggio 2023.

Dati INPS sul precariato maggio 2023

Dati INPS sul precariato maggio 2023

INPS ha pubblicato il nuovo osservatorio sul precariato con i dati aggiornati di maggio 2023.

Dai nuovi dati dell’osservatorio INPS sul precariato è emerso che fino a maggio 2023 le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati risultano essere 3.408.000. L’Istituto segnala una diminuzione nelle assunzioni dei contratti in somministrazione (-9%), a tempo indeterminato (-5%) e di apprendistato (-4%). Le altre tipologie di contratti, invece, sono in aumento. I contratti a tempo determinato segnano un +2%, il lavoro intermittente un +4% e gli stagionali un +5%.

ASCOLTA IL PODCAST!

Fino a maggio 2023, le trasformazioni da tempo determinato sono 340.000, in aumento del 10% rispetto allo stesso periodo del 2022. Per quanto riguarda le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo, si registra una costante flessione (-19%).

Secondo i dati INPS, nei primi cinque mesi del 2023 si contano 2.598.000 cessazioni. Per i contratti a tempo indeterminato si registra un calo del 9%, per i contratti in apprendistato -6% e i contratti in somministrazione -8%. Aumentano, invece, le cessazioni di contratti a tempo determinato (+1%), contratti stagionali (+3%) e di lavoro intermittente (+5%).

La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratti di Prestazione Occasionale aumenta del 9%. Per loro l’importo medio mensile lordo della remunerazione è pari a 250 euro. Per i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia si registra, invece, una diminuzione del 4%. L’importo medio mensile lordo della loro remunerazione è di 192 euro.

Infine, l’osservatorio INPS raccoglie i dati sui rapporti di lavoro incentivati. Evidenzia che l’agevolazione di maggior impatto è “Decontribuzione Sud”, nonostante quest’anno segni una crescita piuttosto modesta del 7%. In calo, invece, gli esoneri contributivi totali per i giovani e le donne.

GUARDA IL VIDEO!