DECRETO AGOSTO: A CHI SPETTA IL BONUS COVID DA 600 E 1000 EURO

DECRETO AGOSTO: A CHI SPETTA IL BONUS COVID DA 600 E 1000 EURO

DECRETO AGOSTO: A CHI SPETTA IL BONUS COVID DA 600 E 1000 EURO

Dopo il Decreto Cura Italia e il Decreto Rilancio, è in arrivo un nuovo decreto – che prende il nome di Decreto Agosto – per aiutare imprese, famiglie e lavoratori in difficoltà a seguito dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus

Il Governo ha previsto 25 miliardi, che si aggiungono ai 20 e 55 miliardi già finanziati rispettivamente per i primi due decreti menzionati, toccando così quota 100 miliardi.

È già in circolazione la prima bozza del decreto, composto da 10 articoli, con misure che riguardo soprattutto l’ambito lavoro, ossia:

  • l’estensione della Cig Covid,
  • la proroga del blocco dei licenziamenti e sgravi fiscali
  • l’estensione del bonus 600 euro e 1.000 euro per determinate categorie di lavoratori: è proprio quest’ultimo argomento al centro degli interessi di milioni di italiani che sono in attesa di ulteriori novità sull’indennità.

DESTINATARI BONUS 1000 EURO

Allo stato attuale la bozza prevede che il bonus di 600 e 1.000 euro venga rifinanziato per giugno e luglio 2020.

In particolare, è previsto che per i lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali, che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASpI, è riconosciuta un’indennità per ciascuno dei mesi di giugno e luglio 2020 pari a 1.000 euro.

La stessa indennità è riconosciuta ai lavoratori in somministrazione, impiegati presso imprese utilizzatrici operanti nel settore del turismo e degli stabilimenti termali, che abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, non titolari di pensione, né di rapporto di lavoro dipendente, né di NASpI.

DESTINATARI BONUS 600 EURO

Invece, è riconosciuta un’indennità per ciascuno dei mesi di giugno e luglio 2020, pari a 600 euro, ai lavoratori dipendenti e autonomi che in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

Nello specifico, si tratta di:

  • lavoratori dipendenti stagionali appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro, nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020, e che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel medesimo periodo;
  • lavoratori intermittenti, che abbiano svolto la prestazione lavorativa per almeno 30 giornate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 17 marzo 2020;
  • lavoratori autonomiprivi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, che nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2019 e il 29 febbraio 2020 siano stati titolari di contratti autonomi occasionali riconducibili alle disposizioni di cui all’art. 2222 del cod. civ. e che non abbiano un contratto in essere alla data di entrata in vigore del presente decreto;
  • incaricati alle vendite a domicilio, con reddito annuo 2019 superiore ad euro 5.000 e titolari di partita IVA attiva e iscritti alla Gestione Separata.

Lascia un commento