DECRETO APRILE: REDDITO EMERGENZA 3 MESI, 1000€ PER GLI AUTONOMI

DECRETO APRILE: REDDITO EMERGENZA 3 MESI, 1000€ PER GLI AUTONOMI

DECRETO APRILE: REDDITO EMERGENZA 3 MESI, 1000€ PER GLI AUTONOMI

Il Decreto aprile, che vedrà la luce a maggio inoltrato, prevede nuove misure di carattere economico a sostegno delle famiglie e dei lavoratori in difficoltà.

Nella bozza circolata e visionata dall’agenzia AGI, cambiano i parametri per i requisiti di accesso al reddito di cittadinanza “in relazione alla situazione di crisi economica e sociale determinata dall’emergenza epidemiologica”.

REM FINO A 800 EURO: ECCO I REQUISITI

È istituito, a decorrere dal mese di maggio 2020, il Reddito di emergenza – denominato ‘Rem’- quale misura di sostegno al reddito per i nuclei familiari a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”.

Il Rem è erogato per tre mensilità a decorrere dal mese in cui è stata presentata la domanda, che sarà possibile inoltrare entro il termine del mese di luglio.

Questi i requisiti per potervi accedere:

  • residenza in Italia, verificata con riferimento al componente richiedente il beneficio;
  • un valore del reddito familiare, nel mese precedente la richiesta del beneficio e in ciascuna mensilità che precede le erogazioni successive, inferiore ad una soglia pari all’ammontare del beneficio di cui al comma 6;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore a una soglia di euro 10.000, accresciuta di euro 5.000 per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di euro 20.000;
  • un valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) inferiore ad euro 15.000.

Inoltre, nel caso di nuclei familiari percettori del reddito di cittadinanza, il Rem può essere richiesto ad integrazione della somma goduta.

Infine, ricordiamo che il Rem è determinato in un ammontare minimo pari a 400 euro mensili fino ad un massimo comunque non superiore a 800 euro mensili.

ESCLUSIONI

Si legge nella bozza del dl che non hanno diritto al Rem:

  • i soggetti che si trovano in stato detentivo, per tutta la durata della pena;
  •  nonché coloro che sono ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica.

MODALITÀ DI RICHIESTA

È possibile fare richiesta tramite modello di domanda predisposto dall’Inps e presentato secondo le modalità stabilite dall’Istituto; il Rem – si legge ancora nella bozza – è erogato per tre mensilità a decorrere dal mese in cui è stata presentata la domanda”.

VARIAZIONE REQUISITI

Le eventuali variazioni nel possesso dei requisiti sono comunicate all’Inps, nelle modalità indicate dall’Istituto, entro il decimo giorno successivo al mese in cui è occorsa la variazione; il beneficio è sospeso dalla mensilità successiva a quella in cui la variazione nel possesso dei requisiti è intervenuta.

Ai fini della verifica del possesso dei requisiti l’Inps e l’Agenzia delle entrate “possono scambiare i dati relativi ai saldi e alle giacenze medie del patrimonio mobiliare dei componenti il nucleo familiare”.

“Nel caso in cui in esito a verifiche e controlli emerga il mancato possesso dei requisiti, il beneficio è immediatamente revocato, ferma restando la restituzione di quanto indebitamente percepito e le sanzioni previste a legislazione vigente, si legge ancora nella bozza.

INDENNITÀ LIBERI PROFESSIONISTI 1000 EURO

È riconosciuta una indennità per il mese di maggio 2020 pari a 1000 euro ai liberi professionisti titolari di partita iva attiva alla data di entrata in vigore del decreto, che:

  • siano iscritti alla Gestione separata,
  • non siano titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie;
  • che abbiano subito una comprovata riduzione di almeno il 33 per cento del reddito del secondo bimestre 2020, rispetto al reddito del secondo bimestre 2019.

“A tal fine – si legge nella bozza – il reddito è individuato secondo il principio di cassa come differenza tra i ricavi e i compensi percepiti e le spese effettivamente sostenute nel periodo interessato e nell’esercizio dell’attività, comprese le eventuali quote di ammortamento”.

ITER PER  L’ACCETTAZIONE DELLA DOMANDA

L’interessato dovrà presentare all’Inps la domanda nella quale autocertifica il possesso dei requisiti richiesti; successivamente l’Inps comunica all’Agenzia delle entrate i dati identificativi dei soggetti che hanno presentato l’autocertificazione per la verifica dei requisiti.
Infine, l’Agenzia delle entrate comunica all’Inps l’esito dei riscontri effettuati sulla verifica dei requisiti sul reddito con modalità e termini definiti con accordi di cooperazione tra le parti.

Lascia un commento

×