Disabilità e caregiver familiare: Il tavolo tecnico per il riconoscimento del ruolo

Istituito un tavolo tecnico per il riconoscimento del ruolo del caregiver familiare per le disabilità.

Disabilità e caregiver familiare

Disabilità e caregiver familiare

Istituito un tavolo tecnico per il riconoscimento del ruolo del caregiver familiare per le disabilità.

Alessandra Locatelli, Ministra per le disabilità, e Marina Calderone, Ministra del Lavoro, hanno firmato il decreto per istituire un tavolo tecnico. L’obiettivo è quello di analizzare e dare una definizione al ruolo del caregiver familiare per le disabilità. Il tavolo durerà sei mesi e avrà tre compiti. 

Il primo è quello di individuare quali sono le aree di intervento di un caregiver familiare per poi formulare un apposito disegno di legge. Il secondo, invece, sarà individuare e quantificare i possibili beneficiari di una legge statale sui caregiver. In ultimo, il terzo compito è quello di dare una definizione e capire qual è il ruolo del caregiver all’interno del sistema di presa in carico della persona con disabilità.

La stessa Ministra Locatelli, infatti, ha commentato in una nota quanto sia indispensabile ad oggi creare una cornice normativa ad un ruolo così importante nella nostra società. In particolar modo, quando si tratta di caregiver familiare convivente. Inoltre, tra gli obiettivi c’è anche quello di destinare ai caregiver attività di formazione e accompagnamento.

“Il riconoscimento dei caregiver familiari, in particolare conviventi, non può più essere rinviato – spiega il Ministro Alessandra Locatelli -. Abbiamo il dovere di dare risposte a tutte quelle persone che amano e che curano i propri cari. Che non vogliono essere sostituite, ma tutelate e sostenute adeguatamente nel loro compito. È arrivato il momento di dare una cornice normativa al ruolo di caregiver familiare. E un adeguato riconoscimento in particolare al caregiver familiare convivente. L’obiettivo è arrivare a una proposta condivisa che possa accompagnare e facilitare i familiari nei compiti di cura in tutte le fasi della vita quotidiana”. [Fonte: Ministro per le disabilità]