DL RILANCIO: MISURE A SOSTEGNO DEL TURISMO

DL RILANCIO: MISURE A SOSTEGNO DEL TURISMO

DL RILANCIO: MISURE A SOSTEGNO DEL TURISMO

Tax credit vacanze e Fondo promozione turistica, per sostenere le attività connesse al comparto primario del turismo.

Esenzione della prima rata di acconto dell’Imu 2020, in scadenza il 16 giugno, per gli agriturismi: è questo quanto prevede l’articolo 177 del decreto Rilancio.

 Il beneficio vale per i proprietari:

  • degli agriturismi e per gli altri immobili a vocazione turistica,
  • inclusi i villaggi vacanze,
  • gli ostelli della gioventù,
  • gli affittacamere,
  • i bed & breakfast,
  • i residence e i campeggi che risultino anche gestori dell’attività.

TAX CREDIT VACANZE

Accanto a questo strumento, è prevista una Tax credit vacanze mediante un credito massimo di 500 euro per nucleo familiare (ridotto a 300 euro per i nuclei di due persone e a 150 euro per i nuclei di una sola persona), utilizzabile dal 1° luglio fino al 31 dicembre 2020, in favore delle famiglie:

  • con un reddito Isee non superiore a 40mila euro,
  • che intendano trascorrere le vacanze presso le strutture turistico-ricettive, inclusi gli agriturismo.

 Il bonus è fruibile, d’intesa con il fornitore del servizio, nella misura dell’80%, come sconto sul corrispettivo dovuto e per il restante 20% come detrazione di imposta.

FONDO PROMOZIONE TURISTICA

Sempre con il decreto Rilancio, è stato predisposto lo stanziamento di un Fondo per la promozione turistica, con una dotazione di 20 milioni di euro per il 2020, allo scopo di favorire la ripresa dei flussi turistici in ambito nazionale.

CREDITO D’IMPOSTA DEL 60%

Infine, ai soggetti esercenti attività d’impresa spetta anche un credito d’imposta in misura del 60% dell’ammontare mensile del canone di locazione di immobili a uso non abitativo, bonus che per le strutture alberghiere e agrituristiche è riconosciuto indipendentemente dal volume di affari registrato nel periodo d’imposta precedente.

Lascia un commento