doppio decreto 2023

Doppio Decreto 2023: Bonus bollette e trasporti – Pagamento Assegno Unico su RdC marzo 2023 e scadenze

Novità sul doppio decreto 2023: bonus trasporti, bonus bollette e ISEE Corrente. Pagamenti INPS e scadenze per questa fine del mese di marzo 2023.

Doppio decreto 2023: Bonus trasporti

È stato firmato il doppio decreto 2023. Uno di questi tratta lo sconto fino a 60 euro per gli abbonamenti a treni, autobus e altre forme di trasporto pubblico convenzionate con il Ministero. Il bonus è molto simile a quello dello scorso anno, ma i requisiti sono più ristretti. Infatti, per poterlo richiedere servirà che la persona abbia un reddito complessivo nel 2022 fino a massimo 20 mila euro. Attenzione, perché non si parla di ISEE, ma di Reddito Complessivo della persona che ne fa richiesta.

Proprio riguardo la richiesta è bene precisare che, al momento, il bonus non si può ancora chiedere, ma ci vorrà ancora un mesetto di tempi tecnici prima degli aggiornamenti della piattaforma che si trova sempre sul sito www.bonustrasporti.lavoro.gov.it. Ad ogni modo, da quando sarà attivo, il bonus trasporti si potrà richiedere fino al 31 dicembre 2023 o fino a quando non termineranno i fondi che ammontano a 100 milioni di euro.

ASCOLTA IL PODCAST!

Doppio decreto 2023: Bonus bollette o bonus sociali

Si va verso la proroga degli aiuti contro il caro energia, con il doppio decreto 2023. È stato approvato il nuovo decreto energia che prolungherà i bonus sociali potenziati, non solo nella platea, ma anche negli importi. Come sappiamo, infatti, la legge di bilancio aveva allargato la platea dei beneficiari, dando la possibilità di ricevere il bonus Corrente e Gas anche alle famiglie con ISEE fino a 15 mila euro. Potenziando anche gli importi previsti spettanti.

Con il nuovo decreto energia, gli importi dovrebbero rimanere quasi immutati fino a giugno 2023. Tuttavia, ci sono dei ritocchi per quel che riguarda IVA e oneri di sistema.

ISEE Corrente

A partire dal 1° Aprile sarà possibile presentare l’ISEE Corrente per le variazioni patrimoniali, cioè l’aggiornamento di saldi e giacenze medie del 2021 con quelle del 2022, se quest’ultime sono decisamente più basse.

Assegno Unico e Universale integrato su RdC

Il 28 marzo ci sono state le elaborazioni dell’Assegno Unico e Universale integrato su RdC, rata ordinaria di febbraio. Oppure, un eventuale arretrato, con tanto di data prevista per il 28 marzo stesso. Anche in questa elaborazione non sono mancati i problemi. Come al solito qualcuno non ha ricevuto l’elaborazione, qualcun altro non ha trovato gli importi corretti e, soprattutto, non risultano ancora i celebri conguagli di fine anno, per i quali sembra proprio che si dovrà attendere ancora.

Assegno Unico e Universale a domanda

Sono in corso le pubblicazioni di nuove date di pagamento riferite al mese di marzo, per ora date fine al 31. Tuttavia, sappiamo già che la pubblicazione potrebbe continuare fino ai primi giorni di aprile. Stesso e identico discorso vale per la NASpI e al trattamento integrativo.

Le scadenze di marzo 2023

È importante ricordare alcune importanti scadenze di venerdì 31 marzo. La domanda per la disoccupazione agricola 2023, riferita ai giorni di lavoro degli ultimi due anni, e la domanda del bonus per la disabilità dei figli per il 2023. Perciò attenzione perché dopo il 31 marzo queste prestazioni non si potranno più richiedere.

GUARDA IL VIDEO!