IL BONUS RIOCCUPAZIONE

IL BONUS RIOCCUPAZIONE

Con la circolare n. 109 del 26 luglio 2019, l’INPS ha fornito le istruzioni operative per la gestione del contributo mensile chiamato bonus rioccupazione.

Si tratta di un bonus rivolto ai titolari del trattamento straordinario di integrazione salariale (e cioè la Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria) che si rioccupano durante il periodo in cui percepiscono l’assegno di ricollocazione.

Per averne diritto, il lavoratore deve essere assunto “da un datore di lavoro che non presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell’impresa presso cui era precedentemente impiegato“.

Inoltre, il rapporto di lavoro “deve essere esclusivamente di tipo subordinato e può essere instaurato, anche in regime di part-time, sia con un contratto a tempo indeterminato che a termine“.

In ogni caso, non è necessario presentare alcuna specifica domanda per la prestazione. Infatti, l’INPS provvederà al pagamento del bonus direttamente sui conti correnti bancari o postali, libretti postali o carte prepagate, i cui estremi sono comunicati dagli stessi lavoratori all’ANPAL.

Invece, al datore di lavoro che effettua l’assunzione è riconosciuto un esonero del 50%, degli oneri contributivi complessivi a suo carico, ad esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’INAIL, fino a di importo pari a 4.030 euro annui, rivalutabile sulla base della variazione dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati.

×