IL PAGAMENTO DELLE RATE DELL’ASSEGNO TEMPORANEO SU RDC: LE MENSILITÀ DI LUGLIO ED AGOSTO 2021

IL PAGAMENTO DELLE RATE DELL’ASSEGNO TEMPORANEO SU RDC: LE MENSILITÀ DI LUGLIO  ED AGOSTO 2021

IL PAGAMENTO DELLE RATE DELL’ASSEGNO TEMPORANEO SU RDC: LE MENSILITÀ DI LUGLIO ED AGOSTO 2021

Da ieri e per i giorni a seguire vi sarà l’erogazione dei pagamenti relativi all’Assegno Temporaneo su RdC, distinti però questi in base alle mensilità cui si riferiscono.

È iniziata, difatti, la pubblicazione dell’elaborazione e degli esiti dell’Assegno Temporaneo su RdC; i giorni di pagamento sono per l’appunto scaglionati dal 7 Ottobre 2021 in poi.

Conviene ricordare che l’elaborazione dei pagamenti non pervengono a tutti contemporaneamente, ma che questi verranno spalmati nel corso dei prossimi giorni; si richiede quindi pazienza ed un continuo monitoraggio del proprio conto.

Nello specifico, difatti, il beneficiario a cui non è stata versata la somma inerente Luglio 2021, riceverà quest’ultima, chi invece risulterà già averla percepita, vedrà erogarsi quella relativa ad Agosto 2021; non si avrà quindi alcun conguaglio delle due rate per chi ha diritto ad entrambe.

Inoltre, con messaggio del 5 ottobre 2021, n. 3340, l’INPS ha comunicato la proroga del termine ultimo per la presentazione delle domande, individuato nel 31 Ottobre 2021; chi effettuerà tale istanza entro questo lasso temporale così individuato, riceverà anche le rate relative ai mesi precedenti la sua richiesta, fino al primo Luglio 2021.

Ma vi è un’altra buona novella!

È prevista per la fine di Ottobre l’erogazione delle rate successive, quindi parliamo di tra poco più di due settimane.

Ma cosa è l’assegno temporaneo e come viene influenzato dal Reddito di Cittadinanza?

Questa misura ponte temporanea è stata pensata a sostegno dei cittadini e famiglie maggiormente colpiti dalla situazione pandemica a livello economico, che stiamo tutti ancora vivendo e subendo; riguarda nello specifico i figli dei lavoratori autonomi, disoccupati e privi di reddito che non hanno al contempo neanche diritto all’ANF, (assegno per nucleo familiare).

Requisiti per poterne beneficiare sono: l’avere la cittadinanza italiana o di uno stato europeo o comunque l’essere non apolide con relativo permesso di soggiorno; il pagare l’IRPERF in Italia; l’essere domiciliato o residente in Italia con relativi figli a carico fino ai 18 anni; l’avere la residenza in Italia da almeno due anni, anche non continuativi o comunque un contratto a tempo indeterminato o determinato della durata minimo di sei mesi; l’avere un ISEE inferiore ai 50000 euro.

L’assegno temporaneo subisce l’influenza del reddito di cittadinanza: il suo importo subirà una riduzione, in quanto si sottrarrà ad esso la parte di RdC relativa ai figli minori appartenenti a quel nucleo familiare; chi già percettore di RdC poi non dovrà inoltrare alcuna nuova istanza per aderire all’Assegno Temporaneo, in quanto il versamento di quest’ultimo avverrà automaticamente.

Una buona notizia per quanti aspettavano le erogazioni, che finalmente in questi giorni potranno vedere accreditato l’importo di assegno temporaneo spettante sulla base di quanto dichiarato anzitempo al momento della domanda.

Lascia un commento