Inail: rendite aggiornate per il periodo 1° luglio 2023 – 30 giugno 2024, aumentano gli importi.

inail rendite

inail rendite

Il Ministero del Lavoro comunica i valori aggiornati delle rendite Inail per i settori: industria, marittimo, agricoltura e medici radiologi.

ASCOLTA IL PODCAST!

Inail: rendite

Dal 1° luglio, le prestazioni per infortuni e malattie professionali salgono dell’8,1% per i settori dell’industria, marittimo, agricoltura e medici radiologi. La rivalutazione ha effetto a partire dal primo luglio 2023 fino al 30 giugno 2024.

Per il settore industria, la retribuzione media giornaliera per il calcolo del massimale e del minimale è adesso fissata a 91,53 euro (fino al 30 giugno era di 84,67). Di conseguenza i due limiti di calcolo delle rendite, massimo e minimo, sono adesso fissati in misura annua a 35.696,70 euro e 19.221,30 euro. 

Nel settore marittimo, la retribuzione massima annua sale a 51.403,25 euro per comandanti e capi macchinisti; a 43.549,97 euro per i primi ufficiali di coperta e di macchina; 39.623,34 euro  per gli altri ufficiali.

Invece per il settore agricoltura, gli importi spettanti vanno dai 444,83€ ai 2.143,55€.

Assegno per assistenza personale e continuativa e assegno una tantum

Cambia anche l’importo dell’assegno per l’assistenza personale continuativa, che passa da 585,51€ a 632,94€ e quello per l’assegno una tantum. Quest’ultimo viene erogato come sostegno alle spese sostenute a seguito della morte di lavoratori deceduti per infortunio sul lavoro o malattia professionale. L’importo dell’assegno sale da 10.742,76€ a 11.612,92€.

Assegno d’incollocabilità

Ed infine vediamo gli importi dell’assegno di incollocabilità. Questa prestazione, sempre pagata dall’inail, viene riconosciuta alle persone che, a seguito di infortunio o di malattia professionale, hanno avuto una riduzione della capacità lavorativa non inferiore al 34% e che di conseguenza non sono più in grado di svolgere un’attività di lavoro, né di essere destinatari del beneficio dell’assunzione obbligatoria. Per loro, l’assegno sale da 268,37€ a 290,11€ al mese.

GUARDA IL VIDEO!