INAIL: I NUOVI LIMITI DI RETRIBUZIONE

INAIL: I NUOVI LIMITI DI RETRIBUZIONE

INAIL: I NUOVI LIMITI DI RETRIBUZIONE

Il decreto di giugno n. 106 del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha disposto una rivalutazione delle prestazioni economiche nel settore industria a partire dal 1° luglio 2022 e ha stabilito gli importi del minimale e del massimale di rendita. Nei primi giorni di settembre è arrivata anche la circolare INAIL con l’aggiornamento sui limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi assicurativi.

Lavoratori con retribuzione pari al minimale di rendita

Con la circolare n. 33, l’INAIL illustra nel dettaglio quali sono le singole variazioni di importo per ogni categoria di lavoratori interessati. I primi ad essere menzionati sono i lavoratori con retribuzione convenzionale annuale pari al minimale di rendita e quindi: detenuti e internati; allievi dei corsi di istruzione professionale; lavoratori impegnati in lavori socialmente utili e di pubblica utilità; lavoratori impegnati in tirocini formativi e di orientamento; lavoratori sospesi dal lavoro impegnati in progetti di formazione o riqualificazione professionale; giudici onorari di pace e vice procuratori onorari. Per loro, dal 1° luglio, la retribuzione convenzionale giornaliera è pari a 59,27 euro, mentre la retribuzione convenzionale mensile è di 1.481,73 euro.

ASCOLTA IL PODCAST!

Lavoratori di un’impresa familiare

Dal 1° luglio 2022 la retribuzione convenzionale giornaliera dei familiari partecipanti all’impresa familiare corrisponde a 59,51 euro, quella mensile a 1.487,74 euro.

Lavoratori di società, ex compagnie e gruppi portuali

La retribuzione convenzionale giornaliera dei lavoratori di società, ex compagnie e gruppi portuali per 12 giorni mensili è fissata a 1.325,64 euro.

Lavoratori dell’area dirigenziale

La retribuzione convenzionale giornaliera per i lavoratori dell’area dirigenziale senza contratto part-time è di 110,07 euro, quella mensile 2.751,78 euro. Invece, per coloro che hanno un contratto part-time, la retribuzione convenzionale oraria corrisponde a 13,76 euro.

Retribuzioni di ragguaglio

Dal 1° luglio la retribuzione di ragguaglio diventa di 59,27 euro per quella giornaliera e di 1.481,73 euro per quella mensile.

Lavoratori subordinati

I compensi mensili effettivi per i lavoratori subordinati sono: minimo 1.481,73 euro e massimo 2.751,78 euro.

Sportivi professionisti dipendenti

La retribuzione effettiva annua per gli sportivi professionisti dipendenti va da un minimo di 17.780,70 euro ad un massimo annuale 33.021,30 euro.

Alunni e studenti

Per gli alunni e studenti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, non statali, che fanno esperienze tecnico–scientifiche o esercitazioni pratiche o di lavoro, gli importi da applicare per la regolazione del premio 2021/2022 e per l’anticipo del premio 2022/2023 sono rispettivamente 2,81 euro e 2,84 euro.

Allievi della formazione professionale

In ultimo, ci sono gli allievi dei corsi ordinamentali di istruzione e formazione professionale regionali tenuti dalle istituzioni formative e dagli istituti scolastici paritari. L’importo del premio speciale annuale è posto proprio a carico di quest’ultimi e per l’anno formativo 2022/2023 la retribuzione minima giornaliera è di 59,27 euro, mentre il premio speciale unitario annuale è di 64,01 euro. In questo caso, il premio speciale annuale non tiene conto dei maggiori rischi lavorativi legati all’attività formativa svolta negli ambienti di lavoro. Infatti, l’onere è a carico dello Stato che lo ha rideterminato in 50,86 euro dal 1° settembre 2022.

GUARDA IL VIDEO!