Incentivo assunzione RdC 2023: Arriva l’ok dell’UE

Approvato l’incentivo 2023 per l’assunzione dei percettori RdC. Datori di lavoro esonerati dal versamento dei contributi previdenziali.

Incentivo assunzione RdC 2023

Incentivo assunzione RdC 2023

Approvato l’incentivo 2023 per l’assunzione dei percettori RdC. Datori di lavoro esonerati dal versamento dei contributi previdenziali.

La Commissione europea, a seguito della richiesta del Ministero del Lavoro, ha autorizzato gli aiuti di stato per l’assunzione dei percettori del Reddito di Cittadinanza.

ASCOLTA IL PODCAST!

Nello specifico, ai datori di lavoro privati che, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023, assumono i percettori di RdC, è riconosciuto l’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali. Il tempo massimo per l’incentivo 2023 sull’assunzione dei percettori RdC è di 12 mesi. Ma attenzione, perché l’assunzione deve essere con un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Oppure, in alternativa, una trasformazione da tempo determinato a indeterminato. 

L’importo massimo dello sgravio è di 8.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile. Tuttavia, sono esclusi dall’esonero i premi e i contributi da pagare a INAIL per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. 

In data 31 ottobre 2023 la Commissione Europea ha approvato, su richiesta del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Aiuto di Stato, finalizzato alla promozione dell’inserimento stabile nel mercato del lavoro dei beneficiari  del  Reddito di cittadinanza, ex art. 1, comma 294 e ss., Legge di Bilancio 2023. Il regime, approvato nell’ambito del quadro temporaneo per gli Aiuti di Stato in caso di crisi e transizione, è adottato dalla Commissione Europea il 9 marzo 2023.” [Fonte: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali]

GUARDA IL VIDEO!