Pagamenti e novità INPS dal 22 Maggio al 12 Giugno: Assegno Unico, RdC, Pensioni e Carta Risparmio Spesa

Pagamenti e novità INPS previsti dal 22 maggio fino a inizio giugno 2023.

inps pagamenti maggio

INPS pagamenti maggio

Pagamenti e novità INPS previsti dal 22 maggio fino a inizio giugno 2023.

Oltre a pagamenti e novità, INPS annuncia che, venerdì 26 maggio, potranno esserci possibili disagi a causa di uno sciopero generale, a cui potrebbero aderire anche alcuni suoi dipendenti.

ASCOLTA IL PODCAST!

INPS pagamenti di maggio: Assegno Unico e Universale a domanda

Dopo i primi pagamenti del 18 e del 19 maggio, sono previste nuove date per la rata di maggio dell’Assegno unico e Universale a domanda. Infatti, sono in arrivo nuovi assegni per lunedì 22 maggio. Ma sono molti quelli ancora in attesa, nonostante il celebre calendario che proprio INPS aveva fornito.

Ad ogni modo, è bene ricordare che l’Assegno Unico è una prestazione che riguarda circa 10 milioni di figli in Italia. Quindi, per sapere la data dell’accredito, bisogna controllare dal sito INPS oppure dall’APP MyINPS.

Sempre in tema Assegno Unico, il decreto lavoro ha stabilito anche un nuovo aumento che prenderà il via dal 1° giugno. Si tratta della maggiorazione al massimo di 32 euro che, di norma, spetta a quelle famiglie in cui entrambi i genitori sono lavoratori. Tuttavia, a partire da giugno potrà spettare anche alle famiglie vedovili, cioè dove c’è solo un genitore lavoratore perché l’altro è deceduto.

Reddito e Pensione di Cittadinanza tra i pagamenti INPS di maggio

È molto probabile che ci sia un anticipo della ricarica di Reddito e Pensione di Cittadinanza per ragioni di calendario, visto che il 27 maggio è sabato. A seguire, invece, è prevista una nuova elaborazione di Assegno Unico e Universale integrato su RdC, rata ordinaria di aprile oppure un eventuale arretrato. 

Pensioni di giugno 2023

Il pagamento delle pensioni prenderà il via dal 1° giugno, sia per le banche che per le Poste. Chiaramente, per chi ritira la pensione in contanti in Poste, è previsto il solito calendario preferenziale per cognome. Come sempre, il calendario può cambiare in base alla grandezza e agli orari di apertura dell’ufficio postale del proprio comune.

Per quanto riguarda gli importi, abbiamo già avuto modo di vederli in passato grazie al dettaglio delle pensioni. Presto, però, ci sarà la conferma anche tramite il cedolino. Quest’ultimo è in via di pubblicazione, di particolare importanza soprattutto per la questione dei recuperi indebiti per chi aveva dimenticato di presentare il modello RED per il 2019 e il 2020.

Carta Risparmio Spesa

Giugno è un mese fondamentale anche per la Carta Risparmio Spesa. Questo perché, entro il 12 giugno, INPS invierà ai comuni l’elenco dei potenziali beneficiari della card, in base al numero previsto per loro. Il comune dovrà poi confermare gli elenchi, assegnare le eventuali rimanenze e far partire le assegnazioni. Le card dovrebbero essere attive a partire dal 1° luglio ma, anche in questo caso, non si esclude che possano esserci dei ritardi.

GUARDA IL VIDEO!