Intelligenza artificiale INPS: Il nuovo assistente virtuale per “Opzione donna”

Grazie all’intelligenza artificiale, sul sito INPS arriva il nuovo assistente virtuale per “Opzione donna”, in grado di dialogare con l’utente.

Intelligenza artificiale INPS

Intelligenza artificiale INPS

Grazie all’intelligenza artificiale, sul sito INPS arriva il nuovo assistente virtuale per “Opzione donna”, in grado di dialogare con l’utente.

Il nuovo servizio INPS per “Opzione donna”, rilasciato al momento solo in via sperimentale, prevede l’utilizzo dell’intelligenza artificiale di tipo generativo. Il progetto si inserisce tra quelli per l’innovazione dei servizi finanziati dal PNRR. Si pone l’obiettivo di migliorare l’accesso e l’orientamento alle prestazioni che offre INPS, fornendo un servizio facile ed immediato.

https://open.spotify.com/episode/6yn4pV7EU7uT8t72PxLpzg
ASCOLTA IL PODCAST!

Si tratta di un assistente virtuale presente, per il momento, solamente nella pagina dedicata a “Opzione donna”. Presto esteso anche a tutti i servizi dell’Istituto, sarà in grado di dialogare e dare informazioni sulla prestazione. Più nello specifico, INPS, tramite il messaggio n. 2659, spiega che l’assistente virtuale potrà aiutare l’utente nella ricerca di un argomento e inviare link per approfondimenti. 

Il sistema è in grado di rispondere a domande di tipo logico-comparativo. Ad esempio, è possibile chiedere all’assistente virtuale quali sono le differenze tra una prestazione ed un’altra. Oppure chiedergli se si hanno i giusti requisiti per la prestazione. L’intelligenza artificiale raccoglie tutte queste informazioni attingendo da fonti ufficiali e confermate. Quindi, circolari, messaggi e atti interni presenti sul sito INPS.

Da INPS sottolineano che il sistema di intelligenza artificiale rispetta le normative sulla privacy e sulla sicurezza dei dati degli utenti e che il sistema si auto migliora grazie all’esperienza. Infatti, se inizialmente la risposta ricevuta non è soddisfacente, INPS consiglia di riprovare riformulando la richiesta. Questo perché l’assistente virtuale mantiene la memoria delle domande e delle risposte date all’utente durante il dialogo. In questo modo, si aiuterà il sistema a migliorare a vantaggio di tutti.

GUARDA IL VIDEO!