Nuova legge sulla disabilità con due nuovi decreti legislativi

Il Consiglio dei Ministri ha approvato due importanti decreti legislativi per una nuova legge sulla disabilità. Per il momento, però, entrambi sono ancora in esame preliminare.

Nuova legge sulla disabilità

Nuova legge sulla disabilità

Il Consiglio dei Ministri ha approvato due importanti decreti legislativi per una nuova legge sulla disabilità. Per il momento, però, entrambi sono ancora in esame preliminare.

Il primo decreto legge si occupa, innanzitutto, di dare una nuova definizione e un preciso accertamento alla condizione di disabilità. A seguire, mira a realizzare un progetto di vita individuale specifico per ogni singola persona. Il secondo, invece, ha l’obiettivo di definire i livelli essenziali delle prestazioni, i cosiddetti LEP, rivolte alle persone con disabilità.

ASCOLTA IL PODCAST!

Decreto legislativo numero 1

Prenderà il via dal 2025 con una fase iniziale di sperimentazione. Il primo passo sarà garantire il riconoscimento della condizione di disabilità. L’obiettivo è di rimuovere qualsiasi barriera e ottenere i sostegni necessari a permettere a queste persone di avere libertà e diritti in tutti gli ambiti della loro vita. Per farlo, nel decreto ci sono 5 punti fondamentali e molto più innovativi rispetto a tutte le altre leggi sulla disabilità. 

I 5 punti fondamentali per la nuova legge sulla disabilità

Il primo punto riguarda la nuova definizione della condizione di disabilità. Infatti, non si baserà più sulla sola opinione medica. Ma prenderà in considerazione anche la difficoltà delle persone con compromissioni e barriere comportamentali a partecipare nelle situazioni di vita. 

Il secondo prevede che sia necessario avere un quadro più ampio e significativo della salute delle persone. Per farlo, dal 1° gennaio 2025 bisognerà utilizzare due documenti specifici. La Classificazione Internazionale delle Malattie dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e la Classificazione Internazionale del Funzionamento, delle Disabilità e della Salute. 

Il terzo punto si occupa della valutazione di base. Il decreto affida a INPS questa fase a partire dal 1° gennaio 2026. In particolare, l’Istituto dovrà accertare che ci sia una vera condizione di disabilità. Con i vari processi di accertamento dell’invalidità civile, della cecità civile, della sordocecità, degli alunni con disabilità e di tutti gli elementi necessari a definire una condizione di non autosufficienza.

Il quarto punto prevede la preparazione di un progetto di vita. La persona con disabilità può chiedere di iniziare il procedimento di valutazione multidisciplinare. Innanzitutto, si valuta come la persona con disabilità vive, si muove e agisce nell’ambiente in cui si trova. Successivamente, si prepara il progetto, creato specificamente sulla base dei bisogni della singola persona. Lo scopo è individuare tutte le possibilità, i servizi e i sostegni che possono migliorare la vita di quella stessa persona.

Infine, il quinto e ultimo punto spiega che ci saranno importanti modifiche per l’accomodamento ragionevole. Quest’ultimo permette alla persona con disabilità di avere gli stessi diritti e accedere ai servizi sanitari come chiunque altro.

Decreto legislativo numero 2

Si occupa dei livelli essenziali delle prestazioni per le persone con disabilità. Quindi, interventi, servizi, attività e prestazioni che mirano a garantire pari opportunità, non discriminazione e qualità della vita. Nei LEP rientrerà anche il progetto individuale di vita.

In particolare, questo secondo decreto prevede la creazione di una cabina di regia che ha l’obiettivo di controllare le prestazioni essenziali delle persone con disabilità. Ma anche creare delle linee guida per riconoscere i livelli essenziali delle prestazioni. Per poi accertarsi che i LEP non siano in contrasto con i livelli essenziali di assistenza. In ultimo, la cabina di regia dovrà anche controllare la giusta organizzazione della normativa su sussidi, incentivi e agevolazioni per le persone con disabilità, inclusi quelli per l’invalidità civile.

GUARDA IL VIDEO!