Nuova PAC: presentati sette ecoschemi al mipaaf

Nuova PAC: presentati sette ecoschemi al mipaaf

L’Italia entro la fine dell’anno dovrà inviare a Bruxelles le principali indicazioni per la gestione dei quasi 40 miliardi di euro collegati alla riforma della Politica agricola comune post 2020. Nei giorni scorsi, il ministro Patuanelli ha tenuto una riunione con oltre 120 partecipanti in rappresentanza del mondo istituzionale, produttivo, sindacale e della società civile: dalle organizzazioni ambientalistiche a quelle dei consumatori. Durante la riunione sono state presentate sette proposte per gli ecoschemi. Ovvero le pratiche a maggiore valenza ambientale che gli agricoltori dovranno adottare, su base volontaria, per aumentare del 25% l’aiuto di base al reddito previsto dalla nuova Pac.

Le organizzazioni agricole hanno sottolineato che una valutazione finale potrà essere formulata, solo quando saranno note le proposte su tutte le questioni che dovranno essere regolate nel Piano strategico. Inoltre le organizzazioni ambientalistiche hanno chiesto di aumentare i fondi destinati agli ecoschemi (dal 25 al 30 per cento) e di fissare a 100mila euro l’importo massimo degli aiuti diretti alle singole imprese.

Il ministero delle politiche agricole fa sapere che i partecipanti al Tavolo di partenariato avranno dieci giorni di tempo inviare «un documento scritto di sintesi con reazioni e suggerimenti che saranno oggetto di analisi in vista della prossima riunione». I tempi per decidere si stringono, entro dicembre infatti il Piano strategico dovrà essere trasmesso alla Commissione europea.

Lascia un commento