Pacchetto famiglia e lavoro nella manovra 2024

Sono molte le novità in arrivo con la prossima legge di bilancio 2024. Ecco le principali misure del pacchetto “famiglia e lavoro” nella manovra 2024.

Pacchetto famiglia e lavoro

Pacchetto famiglia e lavoro

Sono molte le novità in arrivo con la prossima legge di bilancio 2024. Ecco le principali misure del pacchetto “famiglia e lavoro nella manovra 2024.

Ora che il disegno di legge è arrivato ufficialmente al senato, di seguito le principali misure del pacchetto “famiglia e lavoro”.

ASCOLTA IL PODCAST!

Taglio del cuneo fiscale

La legge di bilancio proroga anche per il 2024 il taglio dei contributi a carico dei lavoratori. In pratica, una parte della quota di stipendio, che in genere va INPS per i contributi, rimane in busta paga senza nessuna penalizzazione per la pensione. L’importo del taglio è esattamente lo stesso di quello visto da luglio a dicembre 2023. Cioè al 6% per gli stipendi fino a 2.692 euro lordi mensili e al 7% agli stipendi fino a 1.923 euro lordi. Il taglio del cuneo fiscale si applica agli stipendi di tutti i mesi del 2023, ma non alla tredicesima.

Pacchetto famiglia e lavoro: Lavoratrici madri

Per le madri lavoratrici ci sarà un ulteriore sgravio del 100% sui contributi, fino a massimo 3.000 euro annui. Modalità e tempistiche di questo sgravio cambiano in base al numero di figli. Ma attenzione, spetta solo ed esclusivamente alle madri lavoratrici dipendenti a tempo indeterminato. Quindi, sono escluse le madri lavoratrici a tempo determinato, le madri lavoratrici autonome e le lavoratrici domestiche. 

Comunque sia, se una madre lavoratrice dipendente ha almeno tre figli, avrà diritto allo sgravio del 100% sulla propria quota di contributi fino a quando il più piccolo non compie 18 anni. Questo sgravio sarà in vigore dal 1° gennaio 2024 fino a dicembre 2026. Invece, per le madri che hanno due figli spetta comunque lo sgravio del 100%, ma potrà durare solo fino a quando il secondo figlio non compie 10 anni. E comunque, dopo le ultimissime modifiche, questa misura sarà valida solo fino a dicembre 2024.

Congedi parentali

Il congedo parentale è quel periodo in cui i genitori possono non andare a lavoro per prendersi cura del proprio bambino nei primi anni di vita. Con la nuova legge di bilancio 2024, la durata massima del congedo parentale è aumentata di due mesi. Riconfermando sia il mese all’80%, inserito lo scorso anno, sia un ulteriore mese al 60%. Però, per il solo 2024, anche questo ulteriore mese sarà considerato comunque all’80% e non al 60%. Inoltre, questa disposizione si applica solo a quei lavoratori che terminano il congedo di maternità o di paternità dal 2024. 

GUARDA IL VIDEO!