PARITÀ SALARIALE: IL TANTO ATTESO OK DEL SENATO

PARITÀ SALARIALE: IL TANTO ATTESO OK DEL SENATO

PARITÀ SALARIALE: IL TANTO ATTESO OK DEL SENATO

Il Senato è finalmente giunto all’unanimità per l’approvazione della legge sulla parità salariale tra uomo e donna e ad annunciarlo sono le sue relatrici Chiara Gribaudo e Valeria Fedeli.

Il nuovo provvedimento rafforza le disposizioni relative alla relazione biennale alle camere sull’applicazione della legislazione in materia di parità e pari opportunità sul lavoro ed interviene ampliando le nozioni di discriminazione in ambito lavorativo. Inoltre, per le imprese con più di 100 dipendenti e quelle dai 50 dipendenti in su, viene introdotto l’obbligo di presentare il rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile. L’elenco delle aziende che svolgeranno il rapporto sarà pubblico e consultabile dai lavoratori e dalle lavoratrici, per chi non lo trasmetterà subirà sanzioni fino a 5mila euro per mancata pubblicazione dei dati.

Un’importante novità è l’istituzione, dal 1° gennaio 2022, di una certificazione della parità di genere che ha l’obiettivo di ridurre le disuguaglianze tra uomo e donna in relazione alle opportunità di crescita nelle aziende, alla parità salariale e alla tutela della maternità. Per il 2022 verrà introdotto anche uno sgravio contributivo entro il limite complessivo di 50 milioni.

La presidente della commissione Lavoro di Palazzo Madama, Susy Mastricano (M5s), afferma che questa è una grande vittoria per tantissime lavoratrici, ma è anche il primo passo verso il raggiungimento di obiettivi ancora più ambiziosi. Chiara Grimaudo e Valeria Fedeli concludono dicendo che tutto ciò dimostra la volontà da parte della politica italiana di riconoscere alle donne lavoratrici l’essenziale diritto ad un pari riconoscimento economico, di carriera, di mansioni e di ore lavorative.

Lascia un commento