Permessi 104 e Congedo Straordinario, la nuova funzionalità INPS: Ecco cosa cambia

Online una nuova funzionalità per i Permessi 104 e il Congedo straordinario per assistere familiari disabili in situazione di gravità.

Permessi 104 e Congedo

Permessi 104 e Congedo

Online una nuova funzionalità per i Permessi 104 e il Congedo straordinario per assistere familiari disabili in situazione di gravità.

Con i messaggi nn. 3139 e 3141, INPS comunica che adesso è possibile cambiare i dati nella domanda di Permesso 104 o di Congedo straordinario per assistere familiari disabili.

ASCOLTA IL PODCAST!

Cosa sono i Congedi straordinari e i Permessi 104

Il Congedo straordinario per assistere familiari disabili in situazione di gravità può avere una durata massima di due anni nell’arco della vita lavorativa. Il lavoratore che deve assistere il familiare con disabilità può utilizzare il Congedo anche in maniera frazionata. Ma fra un periodo e l’altro è necessario che riprenda effettivamente servizio.

I Permessi 104, invece, prendono il nome dalla legge n. 104 del 1992. Sono dei permessi dal lavoro retribuiti, riconosciuti ai lavoratori con disabilità o ai lavoratori che si prendono cura di una familiare con disabilità. I lavoratori dipendenti hanno diritto a tre giorni al mese. Il Permesso può essere frazionato in ore, nel limite massimo di 18 ore mensili.

Le novità INPS

Con i messaggi nn. 3139 e 3141, l’Istituto comunica che ha integrato lo sportello telematico con la nuova funzionalità “Variazione dati domanda”. In pratica, sia per il Congedo straordinario sia per i Permessi 104, è possibile cambiare le condizioni dichiarate in una precedente domanda già presentata in modalità telematica. Ad esempio, è possibile cambiare l’indirizzo del domicilio, i dati lavorativi, le dichiarazioni rese in fase di presentazione della domanda. Inoltre, è possibile fare la rinuncia alla domanda che si intende variare presentando al tempo stesso una nuova domanda con le variazioni giuste.

Attenzione, però, perché INPS precisa che la richiesta di “Variazione dati domanda” può riguardare solo le domande che sono in corso di fruizione nel mese di presentazione della richiesta. Di conseguenza, il periodo richiesto nella domanda che si vuole cambiare deve comprendere, in tutto o in parte, il mese in cui si presenta la richiesta di variazione dati. Altrimenti non sarà accettata la comunicazione di variazione. Sia per le domande di Congedo che per quelle di Permesso, la funzione “Variazione dati domanda” è disponibile sul sito INPS. Basterà accedere con le proprie credenziali (SPID, Carta d’Identità Elettronica, Carta Nazionale dei Servizi).

Per il Congedo bisogna accedere al servizio “Indennità per Congedi straordinari (assistenza familiari disabili)”. Successivamente, dalla sezione “Lavoro” si va a “Congedi, permessi e certificati”, poi su “Congedi” e infine si seleziona la voce  “Comunicazione di variazione”.

Per quanto riguarda i Permessi 104, il percorso da seguire è praticamente uguale. Tuttavia, una volta arrivati alla sezione “Congedi, Permessi e certificati” bisogna cliccare su “Permessi” e poi su “Comunicazione di variazione”.

GUARDA IL VIDEO!