Peronospora della vite: È allarme per il settore vitivinicolo

Con gli ultimi due anni di siccità ci si era quasi dimenticati delle malattie della vite. Tuttavia, con il ritorno delle piogge i viticoltori si ritrovano a combattere contro la peronospora della vite.

Peronospora della vite

Peronospora della vite

Con gli ultimi due anni di siccità ci si era quasi dimenticati delle malattie della vite. Tuttavia, con il ritorno delle piogge i viticoltori si ritrovano a combattere contro la peronospora della vite.

Con il caldo e la siccità le malattie della vite tendono a scomparire, mentre con l’umidità e la pioggia si diffondono con molta facilità. Nonostante sia ancora troppo presto per parlare di vendemmia, alcune precoci previsioni anticipano che, a causa della peronospora, una delle malattie più gravi della vite, in Abruzzo e in Puglia potrebbero esserci tagli sulla produzione, rispettivamente del 40% e del 30%.

ASCOLTA IL PODCAST!

La peronospora è un fungo che attacca le foglie della vite. Solitamente, colpisce la pianta in primavera, infettando sia i grappoli che le foglie. Ma la cosa più preoccupante è che la malattia attacca proprio nel momento in cui i grappoli sono nella fase di crescita, cioè tra luglio e agosto, impedendone la maturazione.

La peronospora, inoltre, sembra non essersi fermata solo in Abruzzo e in Puglia. Infatti, ci sono delle infezioni anche in Molise, sul territorio Barese e Salentino, ad Avellino e in Maremma. Mentre al Nord, ci sono alcuni casi in Trentino e nella pianura veneta.

L’unico modo per combattere la malattia è tagliare le piante più giovani e utilizzare prodotti fitosanitari, così da impedire il propagarsi della peronospora. Tuttavia, i viticoltori stanno cercando di evitare di intervenire così drasticamente per prevenire l’accrescere dei costi di produzione. Una scelta che, però, mette a rischio anche le prossime vendemmie.

GUARDA IL VIDEO!