Posticipo pensionamento: Al via le domande per l’incentivo

Al via le domande per l’incentivo al posticipo del pensionamento, la cosiddetta alternativa a Quota 103. Con il nuovo messaggio n. 2.426, INPS spiega come fare.

Posticipo pensionamento

Posticipo pensionamento

Al via le domande per l’incentivo al posticipo del pensionamento, la cosiddetta alternativa a Quota 103. Con il nuovo messaggio n. 2.426, INPS spiega come fare.

L’incentivo al posticipo del pensionamento è riconosciuto ai lavoratori che decidono di rinunciare a Quota 103 nonostante abbiano maturato tutti i requisiti. Si definisce incentivo perché, a seguito di questa decisione presa dal lavoratore, il datore di lavoro non è più obbligato a versare i contributi a carico del  lavoratore. In teoria, sarebbero il 9,19%, destinati al finanziamento della pensione, ma sono, invece, interamente corrisposti sulla busta paga

https://open.spotify.com/episode/2qlMJxGjt6s2D2PaKOBvyE
ASCOLTA IL PODCAST!

Più nello specifico, l’incentivo è pensato per i lavoratori dipendenti, del settore pubblico o privato, che hanno raggiunto o che raggiungeranno, entro il 31 dicembre 2023, i requisiti per Quota 103. Quindi, 62 anni e 41 anni di contributi. Tuttavia, il lavoratore deve anche considerare che una volta fatta questa scelta, comunque revocabile, sulla pensione futura ci sarà una riduzione. Questo per via della minore contribuzione versata durante il periodo «incentivato».

L’agevolazione si applica dalla prima decorrenza utile della pensione Quota 103. Se, invece, la finestra si è già aperta al momento della domanda, si considera il primo giorno del mese successivo alla domanda. In generale, l’incentivo al posticipo del pensionamento dura fino al raggiungimento dell’età di vecchiaia (67 anni). Ma, comunque, rimane aperta la possibilità per il lavoratore di andare in pensione prima con una delle misure previste. Quindi, non solo con quota 103, ma anche, ad esempio, con Opzione Donna, se si hanno ovviamente i requisiti.

Posticipo pensionamento: Le istruzioni INPS

Pochi giorni fa INPS, con il messaggio n. 2.426, ha comunicato di aver implementato il sistema di gestione delle domande di presentazione per l’incentivo e spiega come fare.

Innanzitutto, bisogna accedere sul sito dell’Istituto attraverso le proprie credenziali (SPID, Carta Nazionale dei Servizi, Carta di Identità Elettronica). Successivamente, bisognerà andare nella sezione “Pensione e Previdenza”, poi cliccare su  “Domanda di pensione”. Subito dopo basterà cliccare sulla voce “Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, Certificazioni, APE Sociale e Beneficio precoci”.

In alternativa, è possibile presentare domanda chiamando il Contact Center oppure avvalendosi dell’aiuto di un patronato.

GUARDA IL VIDEO!