Precariato luglio 2023: I dati INP

Diminuiscono i nuovi contratti di lavoro, ma aumentano le trasformazioni a tempo indeterminato. Questi sono solo alcuni degli ultimi dati di luglio 2023 sul precariato forniti da INPS.

Precariato luglio 2023

Precariato luglio 2023

Diminuiscono i nuovi contratti di lavoro, ma aumentano le trasformazioni a tempo indeterminato. Questi sono solo alcuni degli ultimi dati di luglio 2023 sul precariato forniti da INPS.

Fino al settimo mese del 2023, il numero di assunzioni effettuate dai datori di lavoro privati è di 5.063.000. In diminuzione dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2022. In particolare, INPS evidenzia un -7% per i contratti in somministrazione, -6% per quelli a tempo indeterminato e -3% per i contratti in apprendistato. Le tipologie di contratto che, invece, registrano un aumento sono quelli di lavoro intermittente (+3%), stagionali (+2%) e a tempo determinato (+2%).

ASCOLTA IL PODCAST!

Per quanto riguarda le trasformazioni da tempo determinato, da gennaio a luglio se ne contano 471 mila. Il 5% in più rispetto ai primi sette mesi del 2022. Tuttavia, diminuiscono del 18% le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo. 

Passiamo adesso alle cessazioni che, fino a luglio 2023, sono 3.909.000, -2% rispetto allo scorso anno. Nello specifico, l’osservatorio registra un -7% per i contratti a tempo indeterminato e in somministrazione e un -5% per quelli in apprendistato. Al contrario, si registra una crescita delle cessazioni per i contratti a tempo determinato (+1%), stagionali (+3%) e di lavoro intermittente (+3%). 

Precariato luglio 2023: Agevolazioni, rapporti in somministrazione e lavoro occasionale

A seguire, c’è l’andamento delle agevolazioni, per cui INPS evidenzia un calo del 3% sulle attivazioni di rapporti di lavoro incentivati. Inoltre, un’altra importante diminuzione si registra per gli esoneri contributivi totali per i giovani e le donne. Allo stesso tempo, però, continua la crescita dell’agevolazione “Decontribuzione Sud” (+5%).

A luglio 2023, si registra un aumento del lavoro occasionale del 18%, per un totale di oltre 18 mila unità. L’importo mensile lordo della remunerazione è di 299 euro. I lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia, invece, sono circa 9.000, -8% rispetto allo stesso periodo del 2022. L’importo medio mensile lordo della remunerazione è di 179 euro. 

Infine, passando ai rapporti in somministrazione, l’Istituto registra un aumento delle assunzioni a tempo indeterminato (+6%). Ma, allo stesso tempo, calano quelle a termine (-8%). Aumentano anche le cessazioni dei contratti a tempo indeterminato (+9%) e diminuiscono quelle per i contratti a termine (-8%).

GUARDA IL VIDEO!