RdC settembre 2023: I dati INPS

Il nuovo osservatorio INPS su Reddito e Pensione di Cittadinanza (RdC/PdC) mostra i dati tra gennaio e settembre 2023.

RdC settembre 2023

RdC settembre 2023

Il nuovo osservatorio INPS su Reddito e Pensione di Cittadinanza (RdC/PdC) mostra i dati tra gennaio e settembre 2023.

Dal mese di agosto sono evidenti gli effetti del limite dei sette mesi previsto per il 2023, ad esclusione dei cosiddetti non occupabili. Cioè i nuclei con minori, persone con disabilità, over 60 e i nuclei presi in carico dai servizi sociali de comuni. In questo arco di tempo risultano 1.016.322 nuclei beneficiari di Reddito di Cittadinanza e 121.309 di Pensione di Cittadinanza.

ASCOLTA IL PODCAST!

In totale le persone coinvolte sono 2.692.407 per un importo medio mensile erogato a livello nazionale di 598,95 euro. Solo nel mese di settembre, i nuclei percettori di RdC sono 706.610, con un importo medio erogato di 605,98 euro. Mentre quelli percettori di PdC sono 122.496. Per loro l’importo medio risulta di 305,04 euro.

Passando a dati più specifici, a settembre 2023 emerge che tra i nuclei percettori di RdC, 640.255 sono cittadini italiani. A seguire, 22.574 sono cittadini europei e 43.137 sono extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno UE. Infine, 644 sono familiari delle precedenti categorie e titolari di protezione internazionale. L’osservatorio evidenzia anche che i nuclei con presenza di minori sono in totale 289.939. Quelli che, invece, hanno al loro interno persone con disabilità sono 207.297.

A livello regionale, per il Reddito di Cittadinanza si segnala che l’importo medio mensile più alto è quello della Campania, con 671,95 euro. Quello più basso è di 445,17 euro in Trentino Alto Adige. Per la Pensione di Cittadinanza, invece, l’importo medio mensile più alto si registra in Calabria, 338,50 euro. Il più basso ancora una volta in Trentino Alto Adige con 255,01 euro. In ultimo, l’osservatorio evidenzia che tra gennaio e settembre di quest’anno, le revoche del beneficio sono 47.225. Mentre le decadenze sono 217.040.

GUARDA IL VIDEO!