STATO DI EMERGENZA E SICCITÀ: COME RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

STATO DI EMERGENZA E SICCITÀ: COME RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

STATO DI EMERGENZA E SICCITÀ: COME RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA

Il Consiglio dei ministri ha ufficialmente dichiarato lo stato di emergenza a causa del problema siccità. Tuttavia, da un recente studio emerge come sia possibile risparmiare fino al 20% di acqua grazie all’agricoltura 4.0.

Le innovazioni tecnologiche applicate alla agricoltura, come ad esempio le stazioni meteo, i sensori di umidità del terreno e i sistemi di irrigazione tramite intelligenza artificiale sono strumenti indispensabili per ridurre il consumo di acqua fino al 20% rispetto ai sistemi di coltivazione tradizionali. È quanto emerge da un recente studio di Cai, Consorzi agrari italiani, in collaborazione con IBF Servizi, che dimostra come, grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie, sarebbe possibile ottenere per ogni ettaro di mais un risparmio idrico di circa il 10%, con un consumo annuo che passerebbe quindi da 3600 metri cubi a 3240.

ASCOLTA IL PODCAST!

Il risparmio può raggiungere il 12% anche per ortaggi e patate, il 15% per i frutteti e il 20% per le coltivazioni come quella della barbabietola. Tale risparmio idrico in futuro potrebbe raggiungere addirittura il 50%, oltre a portare degli evidenti benefici in termini di costi alle aziende agricole, tra acqua e gasolio risparmiati per il pompaggio rappresenta anche un’ottima idea per ridurre l’impatto ambientale e far fronte al cambiamento climatico.