SUPERBONUS 110%: TUTTO CIÒ CHE BISOGNA SAPERE

SUPERBONUS 110%: TUTTO CIÒ CHE BISOGNA SAPERE

SUPERBONUS 110%: TUTTO CIÒ CHE BISOGNA SAPERE

L’ agevolazione, che vede coinvolti cittadini e fisco, giustifica l’introduzione di diverse forme di certificazioni, visti e attestazioni per evitare e contenere ipotetici abusi.

1. CERTIFICAZIONI E ATTESTAZIONI

L’articolo 119, comma 11 del D.l. Rilancio, prevede che il contribuente, qualora decida di optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito, invece della detrazione diretta del 110% in cinque anni, richieda un ulteriore visto di conformità dei dati relativi alla documentazione presentata, che attesti la sussistenza effettiva dei presupposti che danno diritto alla detrazione.

2. VISTO DI CONFORMITÀ 

Il visto di conformità è richiesto soltanto in caso di opzione, da parte del contribuente, per la trasformazione della detrazione in credito d’imposta cedibile a terzi oppure per lo sconto in fattura; quindi, se il contribuente sceglie di mantenere la detrazione del 110% e di utilizzarla, secondo il piano di rateazione in cinque quote annuali di pari importo, allora il visto di conformità non è richiesto.

3. ASSEVERAZIONI

Le asseverazioni, a differenza del visto di conformità, sono necessarie sia ai fini dell’utilizzo diretto della detrazione del 110% sia in caso di opzione per la cessione del credito o lo sconto in fattura. Spetta ai tecnici abilitati asseverare il rispetto dei requisiti per gli interventi di efficienza energetica e la congruità delle spese sostenute. 

4. PROFESSIONISTI

I professionisti coinvolti dal Bonus sono gli architetti, gli ingegneri, i geometri; c’è poi il ramo dei certificatori energetici, che include anche altri tecnici chiamati al rilascio degli Ape, necessari prima e dopo gli interventi, al fine di dimostrare il miglioramento di almeno due classi energetiche o, se ciò non è possibile, il conseguimento di quella più elevata.

5. ATTESTAZIONE DI CONGRUITÀ DELLE SPESE

L’attestazione di congruità delle spese degli interventi ammessi al 110% è stata una grandissima novità nel mondo dei bonus casa; in sostanza, il nuovo controllo, introdotto dal Dl “Rilancio”, prevede che ai fini della detrazione del 110% e dell’opzione per la cessione o per lo sconto in fattura, i tecnici abilitati asseverino il rispetto dei requisiti previsti e la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi di risparmio energetico, mentre per i lavori antisismici l’attestazione della congruità delle spese sostenute è rilasciata dai professionisti incaricati della progettazione strutturale, della direzione dei lavori delle strutture e del collaudo statico, secondo le rispettive competenze professionali e iscritti agli ordini o ai collegi professionali di appartenenza.

×