SUPERBONUS: PIÙ TEMPO PER L’ATTESTAZIONE DI MIGLIORATA STABILITÀ PER LE ZONE 2/3

SUPERBONUS: PIÙ TEMPO PER L’ATTESTAZIONE DI MIGLIORATA STABILITÀ PER LE ZONE 2/3

ECOBONUS: PIÙ TEMPO PER L’ATTESTAZIONE DI MIGLIORATA STABILITÀ PER LE ZONE 2/3

L’AdE ha fornito chiarimenti riguardanti la detrazione spettante agli acquirenti delle unità immobiliari, vendute da imprese di costruzione e ristrutturazione immobiliare, che abbiano realizzato interventi relativi all’adozione di misure antisismiche.

Nell’ipotesi in cui gli interventi siano realizzati nei comuni ricadenti nelle zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 mediante demolizione e ricostruzione di interi edifici, allo scopo di ridurne il rischio sismico, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che provvedano – entro diciotto mesi dalla data di conclusione dei lavori alla successiva alienazione dell’immobile -, le detrazioni dall’imposta spettano all’acquirente delle unità immobiliari; nello specifico, nella misura del 75 per cento e dell’85 per cento del prezzo della singola unità immobiliare, risultante nell’atto pubblico di compravendita e comunque entro un ammontare massimo di spesa pari a 96 mila euro per ciascuna unità immobiliare.

Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio tecnico centrale ha chiarito che questo meccanismo, ha previsto la possibilità che i benefici fiscali previsti dal sisma-bonus – nel caso di imprese che hanno realizzato, dopo il 1° gennaio 2017, delle ristrutturazioni o ricostruzioni, mediante demolizione, di immobili, con documentato miglioramento sismico di una o più classi -siano estesi agli acquirenti di tali unità immobiliari.

Per questo motivo, deve ritenersi che l’ottenimento dei benefici fiscali spetta agli acquirenti delle unità immobiliari ubicate nelle zone sismiche 2 e 3, oggetto di interventi le cui procedure autorizzatorie sono iniziate dopo il 1° gennaio 2017 ma prima del 1° maggio 2019, anche se l’asseverazione (di cui all’art 3 del D.M. n. 58 del 2017) non è stata presentata contestualmente alla richiesta del titolo abilitativo.

In ogni caso, la richiamata asseverazione deve essere presentata dall’impresa entro la data di stipula del rogito.

Lascia un commento