TERZA DOSE PER I FRAGILI, IN ARRIVO L’OK DELL’AIFA

TERZA DOSE PER I FRAGILI, IN ARRIVO L’OK DELL’AIFA

Sembrerebbe confermata l’ipotesi di una terza dose di vaccino anti-covid per i più fragili.  La somministrazione potrebbe cominciare già da fine mese per i cosiddetti «immunocompromessi» per poi passare ad over 80, ricoverati nelle Rsa e personale sanitario che si è vaccinato per primo. In totale, circa 9 milioni di italiani. Entro questa settimana, l’Aifa, l’Agenzia del farmaco, dovrebbe pronunciarsi senza dunque aspettare l’Ema che invece si pronuncerà tra qualche settimana.

In particolare, tra le persone per le quali è prevista la terza dose ci sono: anziani con pluripatologie, pazienti con malattie respiratorie, cardiocircolatorie e neurologiche. E poi diabietici, malati con fibrosi cistica e insufficienza renale oltre a pazienti con malattie autoimmuni, epatiche, cerebrovascolari, oncologiche e del sangue. Infine rientrano tra i fragili anche i trapiantati, i grandi obesi e i malati di Hiv. A chiamare i pazienti «fragilissimi» per la terza dose saranno le strutture sanitarie che li hanno in carico per gli altri invece si passerà per gli hub e gli studi dei medici di famiglia. Per il resto della popolazione bisognerà invece aspettare il 2022, anche se al momento, sul punto, gli esperti hanno opinioni differenti.