Vittime sul lavoro INAIL: Nuovi importi per l’indennità una tantum

Nuove risorse e nuovi importi INAIL per l’indennità una tantum per i familiari delle vittime sul lavoro.

Vittime sul lavoro INAIL

Vittime sul lavoro INAIL

Nuove risorse e nuovi importi INAIL per l’indennità una tantum per i familiari delle vittime sul lavoro.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fa sapere di aver finalizzato l’adozione del decreto di integrazione delle risorse del Fondo di Sostegno per le famiglie delle vittime di gravi infortuni sul lavoro. Si tratta di 5 milioni di euro stanziati per gli eventi avvenuti tra il 1°gennaio e il 31 dicembre di quest’anno.

ASCOLTA IL PODCAST!

Generalmente, gli importi per questa indennità sono fissati annualmente e cambiano in base al numero dei componenti del nucleo superstite e delle risorse disponibili. Quest’anno, il decreto del 18 maggio 2023 aveva già fissato gli importi. Però, con il decreto lavoro e con il recente provvedimento del Ministero del Lavoro, l’indennità una tantum ha ricevuto un aumento. Infatti, si passa da 4.000 euro a 9.000 euro per una sola persona superstite. Da 7.500 euro a 14.000 euro per due superstiti. Da 11.000 euro a 19.000 euro per tre superstiti e da 14.500 euro a 24.000 euro quando ci sono più di tre superstiti.

Cos’è l’indennità INAIL una tantum per i familiari delle vittime sul lavoro

Si tratta di una prestazione riconosciuta ai nuclei familiari superstiti di vittime del lavoro. Nello specifico, può spettare ai coniugi o uniti civilmente. Ai figli a carico fino a 26 anni, secondo determinate caratteristiche, se studenti e non lavoratori, e ai figli maggiorenni inabili al lavoro. In alternativa, se non ci sono coniugi, uniti civilmente o figli, l’indennità può spettare ai genitori o ai fratelli e le sorelle del lavoratore deceduto, se erano a carico di quest’ultimo. L’indennità è prevista anche per i lavoratori non assicurati all’INAIL, ad esempio, militari, vigili del fuoco e domestici.

Per quanto riguarda la domanda, questa deve essere presentata dai familiari superstiti entro 40 giorni dal decesso del lavoratore. All’interno del modulo INAIL devono essere indicati tutti i superstiti che hanno diritto all’indennità, gli estremi per il pagamento, la delega se ci sono più superstiti maggiorenni. Oppure se ci sono più superstiti minorenni, ma appartenenti a nuclei familiari diversi. 

Tuttavia, al momento resta ancora da chiarire se, per le domande già presentate, i nuovi importi saranno erogati in automatico. Oppure se sarà necessario presentare una nuova richiesta o integrazione della domanda già presentata.

GUARDA IL VIDEO!