INDENNITÀ DI MATERNITÀ: ECCO SPIEGATO COME FUNZIONA

INDENNITÀ DI MATERNITÀ: ECCO SPIEGATO COME FUNZIONA

INDENNITÀ DI MATERNITÀ: ECCO SPIEGATO COME FUNZIONA

L’indennità di maternità è una prestazione che spetta alla lavoratrice che diventa madre e viene corrisposta direttamente dall’INPS, su domanda, anche nei casi di risoluzione del rapporto di lavoro previsti dal contratto a termine o di cessazione dell’attività dell’azienda cui la lavoratrice è addetta.

Alle lavoratrici gestanti, infatti, che all’inizio del congedo per maternità, ordinario o anticipato per interdizione, sono disoccupate hanno diritto al normale trattamento economico di maternità.

In sintesi, L’indennità di maternità spetta alle:

– lavoratrici subordinate, parasubordinate, autonome e, in alcuni casi, madri disoccupate.

Sono ammesse alla tutela anche le lavoratrici sospese,disoccupate o assenti il cui congedo di maternità sia iniziato entro 60 giorni dall’ultimo giorno di lavoro.

La prestazione economica di maternità a carico dell’INPS è pari all’80% della retribuzione o all’ultima mensilità di retribuzione percepita interamente prima dello stato di disoccupazione.

La lavoratrice che non ha un rapporto di lavoro dipendente privato in essere al momento di inizio dell’astensione obbligatoria deve presentare la domanda per ottenere l’indennità di maternità direttamente all’ente previdenziale (INPS) precisando che intende chiedere il pagamento diretto della prestazione, non avendo possibilità di anticipazione da parte del datore di lavoro.

In tutti i casi l’indennità di maternità va a sostituire il beneficio economico che la lavoratrice sta già percependo.

Lascia un commento