REDDITO DI CITTADINANZA: DOPPI TAGLI E RICARICHE SOSPESE

REDDITO DI CITTADINANZA: DOPPI TAGLI E RICARICHE SOSPESE

REDDITO DI CITTADINANZA: DOPPI TAGLI E RICARICHE SOSPESE

A causa delle nuove norme sul calcolo del Reddito di Cittadinanza, alcuni percettori riceveranno una rata ridotta, mentre risultano ancora sospese le rate per i beneficiari che non posseggono un ISEE aggiornato al 2022.

Com’è già noto, da gennaio il calcolo della rata di RdC tiene conto anche di prestazioni assistenziali come le maggiorazioni sociali e la Quattordicesima. Infatti, sulla mensilità di marzo, in pagamento ad aprile, per alcuni beneficiari di RdC e PdC sarà applicato un conguaglio a compensazione di quanto ricevuto in più nel mese di febbraio.

Rateizzazione del debito e quattordicesima

L’Inps, in uno degli ultimi comunicati, assicura che il debito sarà rateizzato garantendo un importo minimo nei casi di conguagli superiori all’importo della rata stessa. Inoltre, l’Istituto aveva precedentemente chiarito che per calcolare l’importo del reddito e della pensione di cittadinanza rientrano anche gli incrementi delle pensioni spettanti ad alcune categorie di soggetti con determinate condizioni reddituali, inclusa la Quattordicesima.

Cosa è escluso dal calcolo e sospensione senza ISEE

Diversamente, non rientrano nel calcolo dei suddetti redditi le prestazioni non sottoposte alla prova dei mezzi, ad esempio l’indennità di accompagnamento. Infine, risultano ancora sospese le rate di Reddito e Pensione di Cittadinanza per quei beneficiari che non sono ancora in possesso di un ISEE valido per l’anno 2022. A tal proposito, l’Inps spiega che il beneficio riprenderà non appena risulterà presentata la nuova Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).