REDDITO DI CITTADINANZA: ECCO I DATI ANPAL

REDDITO DI CITTADINANZA: ECCO I DATI ANPAL

REDDITO DI CITTADINANZA: ECCO I DATI ANPAL

In base ai dati ANPAL inerenti al Reddito di Cittadinanza, su 919.916 beneficiari, il 18,8% risulta occupato, il 71,8% ha sottoscritto i patti per il lavoro e il 9,4% è esonerato, escluso o rinviato ai servizi sociali. 

Con la nota periodica n. 9 del 7 ottobre, l’ANPAL, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, ha pubblicato i dati aggiornati al 30 giugno sui percettori del Reddito di Cittadinanza. L’Agenzia evidenzia che sul totale dei beneficiari indirizzati ai servizi per il lavoro (919.916), risultano occupati 173 mila, 660 mila sono quelli tenuti alla sottoscrizione del patto per il lavoro e 86 mila sono quelli esonerati, esclusi o rinviati ai servizi sociali. Più della metà dei beneficiari occupati, il 53,5%, ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato o in apprendistato.

ASCOLTA IL PODCAST!

Il livello maggiore di precarietà si registra per gli under 30. In questa fascia oltre il 55% ha un contratto a termine. Dall’indagine è emerso, inoltre, che tra tutti i beneficiari che lavorano con contratti a tempo determinato (il 39,2%), più della metà ha un contratto con durata pari o inferiore a 6 mesi. Per quanto riguarda i 660 mila percettori RdC soggetti al patto per il lavoro, il 72,8% non ha avuto un contratto di lavoro subordinato o para-subordinato negli ultimi 3 anni. Infine, ANPAL segnala che i soggetti presi in carico dai servizi per il lavoro risultano essere 280 mila, pari al 42,5% dei 660 mila soggetti al patto per il lavoro.

GUARDA IL VIDEO!