DUE CUD = PAGARE DI PIÙ?

ASCOLTA L’INTERVENTO SULL’ARTICOLO

Brutte notizie per chi ha due o più CUD nel corso dell’anno d’imposta precedente, perché questi soggetti sono obbligati a pagare anticipatamente più imposte IRPEF.

I cittadini con due o più CU devono dichiarare il tutto con il 730 o con il modello redditi persone fisiche. Tutto ciò si può fare naturalmente rivolgendosi ad un CAF o ad un commercialista. Questi avvieranno il solito procedimento:

1.            Sommeranno tutti i redditi di lavoro dell’anno precedente;

2.            Da questa somma dedurranno gli oneri per determinare l’Irpef;

3.            Da questo importo si applicherà l’Irpef in base al reddito complessivo;

4.            Verranno aggiunte poi le detrazioni dall’imposta lorda.

In ogni caso, l’imposta sul reddito Irpef è progressiva e va per scaglioni di reddito; in pratica, le aliquote crescono al crescere del reddito. Nell’anno 2016, ad esempio, l’aliquota è del 23% fino a 15.000 euro e poi del 27% oltre i 15.000 euro e fino a 28.000 euro, del 38% oltre, ecc. Di conseguenza, la tassazione applicata su due singoli contratti di lavoro per un totale imponibile fiscale di 10.000, al netto dei contributi versati, è diversa dalla tassazione applicata considerando i due redditi cumulati e quindi su 20.000 euro.

Nei singoli contratti, il datore di lavoro sostituto d’imposta, non sapendo del reddito di 10.000 euro già percepito, applica il 23%. Quindi, il contribuente paga il 23% su 20.000 euro, mentre doveva pagare il 23% su 15.000 euro ed un’aliquota del 27% sulla restante parte di 5.000 euro.  Da questo esempio è possibile capire che spesso è una tassazione inferiore al dovuto il motivo di un imposta Irpef elevata in presenza di due CUD.

Gli acconti Irpef che sono degli anticipi sull’imposta Irpef vanno pagati il prima possibile e sono anch’essi divisi in scaglioni:

1.            Se l’importo è inferiore a 51,65 euro gli acconti non sono dovuti;

2.            Un importo tra 51,65 e 257,52 l’acconto deve essere pagato entro il 2 dicembre;

3.            Se l’importo è superiore a 257,52 euro si pagano due acconti: il primo è il 40% del totale da pagare entro il 1 luglio o il 31 con una maggiorazione dello 0,40% e il secondo del 60% delle ritenute.

Ti potrebbe interessare anche:

Lascia un commento

× WHATSAPP